Iavarone: “Contro il Trabzonspor punterei su Andujar, giusto far riposare Rafael”

Coppa Italia- Napoli-Inter Andujar 2TONI IAVARONE, giornalista, responsabile di Toniiavarone.it, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE”, su Radio Punto Zero, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i temi proposti sul web da NapoliMagazine.Com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, condotta da Michele Sibilla e Antonio Petrazzuolo. Ecco quanto ha affermato: “Non credo che la ‘cappellata’ di Rafael abbia condizionato, da sola, la partita del Napoli. La squadra azzurra, infatti, ha avuto il tempo necessario per recuperare ed invece si è sciolta come neve al sole. Quest’anno il Napoli sembra un gambero, quando ti aspetti il salto di qualità, fa un passo indietro. Sono errori che si pagano, come quelli di inizio stagione, senza i quali, oggi, il Napoli sarebbe spalla a spalla con la Roma. Tra le leggi non scritte del calcio ce n’è una importante: squadra che vince non si cambia e quindi, anche Benitez ha delle responsabilità per aver cambiato la formazione che dava le maggiori garanzie. Non riesco a capire perché Gargano sia rimasto in panchina, così come non capisco perché non schierare dal primo minuto Gabbiadini. Mi meraviglia il fatto che il Napoli sia ancora ancorato a quel modo di giocare che non ha portato grandi risultati ad inizio stagione. La partita che il Napoli affronterà in Turchia è da dentro o fuori e per questo sarebbe un errore schierare ancora Rafael, che invece, avrebbe bisogno di ricaricare le batterie. Tenere due mediani, di cui, uno molto veloce come Gargano, è fondamentale per questa squadra, per limitare i danni di una difesa non proprio affidabile”.

 

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!