Antonio Corbo: “Higuain ha fatto la differenza, ma Mertens e Inler meritano un plauso speciale”

corbo21ANTONIO CORBO, giornalista, editorialista di Repubblica, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE”, su Radio Punto Zero, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i temi proposti sul web da NapoliMagazine.Com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, condotta da Michele Sibilla e Antonio Petrazzuolo. Ecco quanto ha affermato: “Higuain ha fatto la differenza, ma devo dire che mi è piaciuto molto Mertens. Si può essere soddisfatti per il rendimento avuto dalla squadra. Dopo l’Inter ci sono state polemiche e critiche eccessive. Contro i nerazzurri Hamsik fece la differenza. Mertens, ripeto, mi è piaciuto molto. Inler l’ho visto in netta ripresa, il lavoro lo ha riportato a livelli importanti. Quando un giocatore è in panchina non è detto che poi non renda bene nel momento in cui viene chiamato in causa. Con Mazzarri c’erano degli “ergastolani” che non giocavano mai ed altri che andavano in campo anche in barella. Benitez è bravo a ruotare i giocatori. I calciatori non sono medici in corsia che devono salvare le vite. Tra professionisti non c’è un rapporto di sangue. Un giocatore deve dare il massimo, non esiste il discorso di dover l’anima a te e ricambiarmi il gesto. Un appunto a Benitez? In alcuni casi tarda alcune scelte a gare in corso. E’ più facile che il Napoli segni 2 gol in trasferta che faccia tanti gol in casa. Magari mi sbaglierò. L’arbitro potrà fischiare più falli. Jorginho l’ho visto in leggera ripresa. La Dinamo Mosca è una formazione modesta, Valbuena mi ha un po’ deluso. Vinitaly? In Irpinia sono molto attenti. La barba? Dal mio parrucchiere a Chiaia ci vado da 30 anni, mi portò Ferlaino lì per un’intervista: lo racconto nella prefazione del libro dedicato ad Achille Lauro”.

Commenti