Lazio, Pioli non si accontenta: “Voglio la finale di Coppa Italia”

ROMA  –  La settima vittoria consecutiva in campionato è già alle spalle. Adesso l’euforia per il terzo posto consolidato in campionato (la quarta, ora la Fiorentina, è distante sei punti) e per la rincorsa più che mai viva alla Roma seconda, deve essere momentaneamente accantonata. O meglio, incanalata verso la semifinale di ritorno di Coppa Italia contro il Napoli.

DOPO IL CAMPIONATO, TESTA ALLA COPPA ITALIA: “VOGLIAMO LA FINALE”  –  Già al termine della sfida al Sant’Elia, Pioli ha spostato il focus sugli azzurri: “La nostra mentalità è quella di pensare partita dopo partita, quindi ora la mente va al Napoli. Vogliamo portare a casa il massimo in questa stagione e anche se sarà una gara difficile abbiamo possibilità di passare il turno”. Pure i giocatori sono dello stesso pensiero. Come Biglia, che spera di vedere una prestazione migliore rispetto a quella di Cagliari: “Mercoledì dobbiamo giocare come sappiamo. Vogliamo prenderci la finale”. Non sarà certo semplice, spiega Cataldi: “Ci troveremo di fronte a 70mila persone. Sarà una partita affascinante, bella da giocare”. Per Pasqua la squadra riposa, ma a Pasquetta sarà di nuovo in campo ad allenarsi per prepararsi al meglio. “Stiamo bene, non credo che questa Lazio non possa reggere due partite nel giro di quattro giorni, oltretutto dopo la sosta”, aveva detto prima di Cagliari, Stefano Pioli.

A NAPOLI PIOLI PENSA DI CONFERMARE LO STESSO UNDICI DI CAGLIARI  –  In questi giorni l’allenatore valuterà le condizioni e il recupero dei suoi giocatori e, se non saranno riscontrati particolari problemi o affaticamenti (in tal senso attenzione a Braafheid, 90 minuti con il Cagliari dopo 4 mesi out), probabilmente al San Paolo manderà in campo dall’inizio lo stesso undici visto in Sardegna. Klose, Mauri e Candreva, sostituiti a gara in corso con il Cagliari, hanno risparmiato un po’ di energie, mentre Felipe Anderson, uscito con un fastidio alla coscia dovuto a una botta, ha già recuperato. Da valutare le condizioni di Radu, out con il Cagliari per il trauma distorsivo al ginocchio riportato la settimana scorsa, ma potenzialmente recuperabile per il Napoli. È difficile, ma potrebbe stringere i denti pur di giocare. In ogni caso Pioli non si preoccupa, perché come spiega ancora il giovane Cataldi la Lazio ha dimostrato di saper far fronte alle assenze: “La nostra è una squadra che ha gioca bene, al di là di chi scende in campo”. E fino a questo momento è andata davvero così.
  serie A

calcio
ss lazio
Protagonisti:
Stefano Pioli
Fonte: Repubblica

Commenti

Lazio, Pioli non si accontenta: “Voglio la finale di Coppa Italia”

ROMA  –  La settima vittoria consecutiva in campionato è già alle spalle. Adesso l’euforia per il terzo posto consolidato in campionato (la quarta, ora la Fiorentina, è distante sei punti) e per la rincorsa più che mai viva alla Roma seconda, deve essere momentaneamente accantonata. O meglio, incanalata verso la semifinale di ritorno di Coppa Italia contro il Napoli.

DOPO IL CAMPIONATO, TESTA ALLA COPPA ITALIA: “VOGLIAMO LA FINALE”  –  Già al termine della sfida al Sant’Elia, Pioli ha spostato il focus sugli azzurri: “La nostra mentalità è quella di pensare partita dopo partita, quindi ora la mente va al Napoli. Vogliamo portare a casa il massimo in questa stagione e anche se sarà una gara difficile abbiamo possibilità di passare il turno”. Pure i giocatori sono dello stesso pensiero. Come Biglia, che spera di vedere una prestazione migliore rispetto a quella di Cagliari: “Mercoledì dobbiamo giocare come sappiamo. Vogliamo prenderci la finale”. Non sarà certo semplice, spiega Cataldi: “Ci troveremo di fronte a 70mila persone. Sarà una partita affascinante, bella da giocare”. Per Pasqua la squadra riposa, ma a Pasquetta sarà di nuovo in campo ad allenarsi per prepararsi al meglio. “Stiamo bene, non credo che questa Lazio non possa reggere due partite nel giro di quattro giorni, oltretutto dopo la sosta”, aveva detto prima di Cagliari, Stefano Pioli.

A NAPOLI PIOLI PENSA DI CONFERMARE LO STESSO UNDICI DI CAGLIARI  –  In questi giorni l’allenatore valuterà le condizioni e il recupero dei suoi giocatori e, se non saranno riscontrati particolari problemi o affaticamenti (in tal senso attenzione a Braafheid, 90 minuti con il Cagliari dopo 4 mesi out), probabilmente al San Paolo manderà in campo dall’inizio lo stesso undici visto in Sardegna. Klose, Mauri e Candreva, sostituiti a gara in corso con il Cagliari, hanno risparmiato un po’ di energie, mentre Felipe Anderson, uscito con un fastidio alla coscia dovuto a una botta, ha già recuperato. Da valutare le condizioni di Radu, out con il Cagliari per il trauma distorsivo al ginocchio riportato la settimana scorsa, ma potenzialmente recuperabile per il Napoli. È difficile, ma potrebbe stringere i denti pur di giocare. In ogni caso Pioli non si preoccupa, perché come spiega ancora il giovane Cataldi la Lazio ha dimostrato di saper far fronte alle assenze: “La nostra è una squadra che ha gioca bene, al di là di chi scende in campo”. E fino a questo momento è andata davvero così.
  serie A

calcio
ss lazio
Protagonisti:
Stefano Pioli
Fonte: Repubblica

Commenti