Wolfsburg, parla il DS: “Col Napoli gara da Champions League. San Paolo, che ricordi”

AllofsWolfsburg
Klaus Allofs, direttore sportivo del Wolfsburg, in esclusiva ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli: “Il Wolfsburg è una squadra in salute, che sta disputando un’ottima stagione su tutti i fronti. Siamo secondi in Bundesliga, in semifinale di Coppa di Germania e ai quarti di finale di Europa League. Ad oggi, posso dire che siamo felici dei risultati ottenuti. La qualificazione diretta alla prossima Champions League resta il nostro obiettivo principale. Faremo di tutto per centrarla attraverso il campionato ma dovremo mantenere alta la concentrazione fino al termine della stagione. Il Napoli? In occasione dell’ultimo match casalingo degli azzurri abbiamo inviato alcuni nostri osservatori per studiare pregi e difetti della formazione partenopea. Inoltre, già da qualche settimana stiamo studiando attraverso video e statistiche le loro caratteristiche. Devo dire che siamo rimasti impressionati dal 3-0 ottenuto contro la Fiorentina.
Benitez? E’ un allenatore che ha esperienza e talento, anche se nelle ultime settimane i risultati non sono stati dalla parte del Napoli credo che la squadra abbia qualità e punti di forza e per questo credo che riusciranno a qualificarsi comunque per la prossima Champions League. Visto il Napoli con la Fiorentina e non solo, direi che gli azzurri sono più forti dell’Inter, squadra che abbiamo affrontato ed eliminato in Europa League. Credo che Wolfsburg e Napoli si somiglino molto perchè praticano un calcio propositivo, all’attacco, lasciando qualcosina in difesa. Proprio per questo, ritengo il Napoli una formazione “europea” e meno “italiana”. In Germania siamo abituati a praticare un gioco spettacolare proprio come quello che Benitez fa esprimere ai suoi.
Le differenze tra Bundesliga e Serie A? Difficile dirlo, l’argomento è complesso: gli stadi da noi sono sempre pieni proprio perchè privilegiamo lo spettacolo, le squadre scendono in campo sempre per vincere al di la della posizione in classifica. In Italia il calcio è molto tradizionale e legato alla tattica. Il che non vuol dire che non sia di qualità ma certamente lo spettacolo rischia di risentirne.
L’interesse del Napoli per Perisic? Ho parlato la scorsa estate con il procuratore del nostro attaccante che accennò ad un interesse molto forte dei partenopei. Ma Perisic ha disputato con noi una stagione fantastica e difficilmente ci priveremo del suo talento. Siamo felici con lui e lui è felice con noi.
Domani sera ci sarà il tutto esaurito ed il nostro pubblico vorrà spingerci alla qualificazione ma so che ci saranno anche tantissimi tifosi del Napoli sugli spalti: la comunità italiana di Wolfsburg è ricca di tifosi azzurri. Sono felice, poi, di poter tornare al San Paolo a distanza di anni: il 14 giugno 1980, proprio a Napoli, negli Europei che alla fine vincemmo realizzai una tripletta contro l’Olanda. Ho dei bellissimi ricordi del San Paolo e sarà emozionante tornarci”.
kisskissnapoli.it
Commenti