Napoli, il futuro può attendere: ma oltre a Benitez anche Bigon potrebbe andare via

NAPOLI – Nessuna alternativa. Il Napoli deve vincere per tenere vivo il sogno Champions. La vittoria della Lazio a Marassi contro la Sampdoria ha complicato la corsa: servono tre successi di fila per superare in extremis i biancocelesti e salvare così la stagione. De Laurentiis ha preteso il massimo impegno dai suoi giocatori che dovranno dimostrarlo domani sera contro il Cesena già retrocesso. Gli azzurri hanno l’obbligo di voltare pagina dopo il ko di Kiev contro il Dnipro per rimanere in scia della  formazione allenata Pioli. Benitez ha chiesto al gruppo grande concentrazione. Bisognerà partire senza intoppi per archiviare la pratica quanto prima e cancellare  i malumori del pubblico che sono emersi ieri pomeriggio al termine del pranzo chiarificatore con De Laurentiis sul lungomare. Nel mirino dei tifosi è finito pure Gonzalo Higuain, apparso colpito dall’atteggiamento degli appassionati nei suoi confronti. Il Pipita cercherà di riscattarsi con una prestazione di alto livello, ma intanto è in dubbio per il match del San Paolo. Non è al meglio e potrebbe essere sostituito da Duvan Zapata. Benitez darà spazio anche ad Hamsik e Mertens, gli esclusi della trasferta di giovedì in Europa League. Entrambi sono in buone condizioni e proveranno a dimostrarlo contro il Cesena. La fiammella della rimonta dovrà restare accesa fino allo scontro diretto dell’ultima giornata contro la Lazio.

GLI SCENARI FUTURI – Tutto congelato, dunque. De Laurentiis non affronterà il discorso relativo alla prossima stagione finché ci sarà la possibilità di agguantare il terzo posto. Il destino di Benitez, comunque, sembra segnato. Difficile che possa esserci un ripensamento. Lo spagnolo è sempre più vicino all’addio, al suo posto scalpita Sinisa Mihajlovic. L’addio dell’allenatore potrebbe essere seguito da quello del direttore sportivo, Riccardo Bigon, che potrebbe finire al Verona.

serie A

ssc napoli
Protagonisti:
Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 258 volte