Fiorentina, niente fretta per gli ultimi ritocchi. Paulo Sousa pensa al Milan

FIRENZE – Tic, tac, tic, tac. Le lancette scorrono inesorabili sul grande orologio della Serie A. La nuova stagione è sempre più vicina e la Fiorentina ha lanciato i suoi messaggi alle concorrenti. Come? Con un precampionato davvero positivo, dove i viola di Paulo Sousa, alla prima avventura sulla panchina che gli ha lasciato il predecessore Vincenzo Montella, hanno infilato vittorie di lusso e ottenuto apprezzamenti un po’ da tutti gli addetti ai lavori. Poco importa, osserverete. E giustamente. Perché il calcio estivo, quello fatto di formazioni rivoluzionate, gambe appesantite e preparazioni differenti, spesso ha tratto in inganno società e allenatori alle prese con esperimenti e test più o meno attendibili per iniziare al meglio la stagione che conta. E la prima gara del Franchi vedrà due tra le squadre più attese per la corsa al piazzamento europeo: Fiorentina e Milan. Incroci e destini che tornano a guardarsi negli occhi. Gli ex più attesi sono Sinisa Mihajlovic e Riccardo Montolivo ma gli spunti non mancheranno. I viola riprenderanno domani ad allenarsi in vista della sfida coi rossoneri: tutti a disposizione di Sousa, calciomercato permettendo. Con gli ultimi ritocchi di formazione e quegli innesti per completare la rosa. Ma ci sarà tempo.

OBIETTIVO CENTROCAMPO, I NOMI – Dopo l’acquisto di Kalinic, punta croata subito a segno nell’amichevole contro l’Iraklis, la dirigenza viola è al lavoro per completare un altro reparto. Quello di centrocampo. Suarez è la pedina da piazzare davanti alla difesa, capace di interdire e far ripartire il gioco che si riflette nel 4-2-3-1 sousiano. Ovvero quell’idea di tenere meno il pallone tra i piedi, quasi un marchio di fabbrica per Montella, per poi concedersi a velocità e imprevedibilità in attacco. Dunque l’identikit ricercato è quello di un centrocampista fisico ma anche rapido. Uno alla Donsah. Il 19 enne ghanese è da tempo in cima alla lista dei desideri da parte del direttore sportivo Daniele Pradè. Ma il suo cartellino ha una valutazione intorno ai sette milioni di euro e nel frattempo la concorrenza si è fatta sempre più nutrita. Tra le varie società interessate anche il Chelsea: dall’Inghilterra sono certi che si possa chiudere a breve. E chissà che alla fine non possa finire in prestito proprio ai viola, girato dai blues come risarcimento per la storia finita male di Mohamed Salah. Suggestione? Possibile. Ma non da escludere. Oltre a Donsah ecco un altro obiettivo: Jacopo Sala del Verona. Il centrocampista classe ’91, all’occorrenza anche esterno destro, è conteso anche dal Napoli. I viola hanno fatto sapere di non avere fretta. Che qualcosa sia a centrocampo che in difesa si farà. Ma che sanno come muoversi e probabilmente lo faranno cogliendo le occasioni dell’ultimo minuto. Già, quell’ultimo istante che col tempo si avvicina. Le lancette scorrono e il 31 agosto, chiusura di calciomercato, non è più un miraggio. Tic, tac, tic, tac.

Fiorentina

serie A
Protagonisti:
Fonte: Repubblica

Commenti