De Laurentiis alza il muro: «Attaccate me, non Sarri»

GiuntoliDeLaurentiisSarriSassuoloLa fiducia espressa ieri da Aurelio De Laurentiis va in controtendenza con un ambiente depresso come quello napoletano. Nel vetusto ed insicuro San Paolo, del quale ieri il presidente del Napoli ha discusso con il Prefetto Pantalone ed i rappresentanti del Comune, oggi ci saranno poco più di diecimila spettatori, una miseria. Contro il Bruges si cerca la prima vittoria stagionale: «L’amore per la squadra o ce l’hai o non ce l’hai, è come per la propria moglie – ha detto De Laurentiis -. Se c’è prescinde dalle circostanze. Ai tifosi porto il massimo rispetto. Attaccassero me, ho le spalle larghe, ma cerchino di stare vicino ai calciatori e a Sarri, che ha ancora tanto da esprimere. Bisogna lasciargli una certa tranquillità psicologica perché se alla pressione di una città come Napoli aggiungiamo altra tensione passa da 300 a 600 sigarette. Noi lo abbiamo scelto facendo anche valutazioni di carattere umano».
FIDUCIA PIENA De Laurentiis ha stima per Sarri, non intende mettergli fretta. Come tutti i tifosi, però, anche il presidente aspetta il primo successo: «Certo che vorrei la prima vittoria, io voglio vincere sempre, sapeste come soffro quando non ci riusciamo». Nemmeno le stilettate di Maradona destabilizzano De Laurentiis, che al pari di Sarri non scende sul piano della polemica con il Pibe de Oro: «È il più grande calciatore mai esistito, è unico, più forte di Pelè. Ma sta lontano, a Dubai, non conosce più la realtà di Napoli. Fa sensazionalismo». Chiosa finale sullo stadio: «Che il San Paolo diventi più sicuro dipende solo dal ministro Alfano, non da un club come il nostro che non ha lo stadio in gestione ma ha una convenzione attraverso cui il Comune ci consegna lo stadio il giorno stesso dell’evento, anzi qualche ora prima. Alfano non ha saputo valutare le cose, basterebbe applicare la legge inglese, perché lì hanno sradicato la violenza dagli stadi. Non capisco perché Renzi non dica ad Alfano: basta, finiamola».

La Gazzetta dello Sport

Commenti