Carlo Mazzone: “Le mie ex squadre Fiorentina, Roma e Napoli possono lottare per lo Scudetto”

L’ex tecnico: “In panchina con l’Ascoli ho raggiunto delle soddisfazioni irripetibili compiendo la scalata dalla Serie C alla Serie A. Che onore aver allenato Francesco Totti e Roberto Baggio”

Per un punto sul campionato passionedelcalcio.it si è rivolto all’allenatore che detiene il record di panchine in Serie A, ovvero Carlo Mazzone. Mister Carletto nella sua carriera, tra le altre, ha allenato la Fiorentina, la Roma e il Napoli.

La Fiorentina dalla sconfitta contro il Napoli esce ridimensionata o ancora più consapevole della propria forza?

Le sconfitte possono sempre creare dei problemi a livello psicologico, ma delle volte invece fanno scattare una molla che può essere decisiva. La Fiorentina contro il Napoli ha dimostrato di essere una squadra di assoluto livello. Gli episodi sono stati favorevoli ai partenopei, ma le due squadre più o meno si equivalgono e auguro a loro ogni fortuna, avendole allenate entrambe.

La Roma sta tornando ai suoi livelli?

I giallorossi hanno vissuto un momento difficile ma ora ne stanno uscendo. Contro la Fiorentina sarà dura. I viola giocando in casa partono con un leggero vantaggio ma gli uomini di Garcia possono continuare la loro striscia positiva e strappare i tre punto con il conseguente sorpasso sui viola.

Si può ormai affermare che questo non è il campionato della Juventus?

Penso di sì. Sono anni che non partiva così male e per i bianconeri non sarà un campionato semplice.

La Lazio esce sconfitta dalla sfida contro il Sassuolo più per demeriti dell’arbitro o per meriti del Sassuolo?

Nel calcio gli errori degli arbitri vanno messi in preventivo. I direttori di gara come tutti i professionisti possono sbagliare. La Lazio comunque resta in una ottima posizione.

Il momento migliore della sua carriera?

Ad Ascoli. Sono partito dalle giovanili, per poi portare la prima squadra dalla Serie C alla Serie A con tanto di salvezza conquistata.

Sono molto fiero di aver lanciato Francesco Totti nella Roma e di aver fatto esprime molto bene Roberto Baggio nel Brescia. A Roby gli dicevo semplicemente che doveva esprimersi liberamente come seconda punta, svariare su tutto il fronte dell’ attacco… il resto lo ha fatto lui…

passionedelcalcio.it

Commenti