Udinese-Sassuolo 0-0, i neroverdi si fermano al palo

UDINE – Il Sassuolo non si ripete dopo la bella vittoria contro la Juve. Pareggia per 0-0 a Udine al termine di una prestazione sottotono e manca l’opportunità di restare aggrappato al treno delle grandi. Il punto non fa felice, comunque, neppure l’Udinese che, attesa a un pronto riscatto dopo la debacle di Roma, ha fatto davvero poco per vincere. E, così, resta pienamente coinvolta nella lotta per non retrocedere.

UNA BRUTTA PARTITA – E’ stata una brutta partita, giocata da entrambe le squadre a ritmi troppo bassi per poter mettere in difficoltà le difese rivali. Se si eccettua un palo in avvio di Floro Flores, il Sassuolo non è più riuscito a trovare il modo per innescare le proprie punte. L’Udinese si è limitata quasi esclusivamente a non subire. E quando ha capito di poter tentare di vincere era ormai troppo tardi. Ancor più complicato, poi, farlo senza Di Natale e Thereau, tirati fuori da Colantuono forse troppo presto, tra i fischi del pubblico bianconero.

DI FRANCESCO RINUNCIA A MAGNANELLI – Costretto a rinunciare agli squalificati Peluso e Sansone e all’infortunato Cannavaro, Di Francesco ha riproposto Longhi a sinistra, Terranova al centro della difesa e Floro Flores nel tridente d’attacco. Poi, rispetto alla gara con la Juve, ha restituito una maglia da titolari a Duncan e Defrel, lasciando a sorpresa in panchina Magnanelli. Sul fronte opposto, Colantuono, privo dell’appiedato Iturre, è andato sul sicuro dopo il criticato turn-over con la roma. E così ha rilanciato Felipe in difesa, Edenilson, Lodi, Fernandes e Adnan a centrocampo e Di Natale in attacco.

PALO DI FLORO FLORES – Le emozioni del primo tempo si sono racchiuse in 1’, tra il 14’ e il 15’: al palo esterno colpito con un diagonale dall’ex di turno, Floro Flores, l’Udinese ha replicato sfiorando il vantaggio con un colpo di testa di Thereau su cross di Adnan. Poi poco altro visto che gli emiliani, pur tentando di fare la partita, non sono mai riusciti a liberare al tiro i propri attaccanti e che ai friulani non sono andati a buon fine i pochi tentativi di sorprendere la retroguardia ospite con qualche imbucata improvvisa.

BERARDI NON SVEGLIA IL SASSUOLO – Nella ripresa il copione è rimasto immutato. Berardi ha provato a risolvere la situazione da solo ma non è andato oltre due conclusioni da fuori che non hanno impensierito Karnezis (punizione centrale e sinistro da fuori alto di un mt). L’inserimento di Politano al posto di Floro Flores non ha apportato la vivacità desiderata da Di Francesco e, allora, l’Udinese, con Aguirre e Perica nuova coppia d’attacco e Widmer sulla fascia destra, ha preso coraggio.

WAGUE UOMO PIU’ PERICOLOSO DELL’UDINESE – Il problema della squadra di Colantuono, però, è stato quello di riuscire a completare con precisione l’ultimo passaggio. E non è un caso che l’uomo più pericoloso sia stato Wague che ha mancato il gol in due situazioni identiche, da calcio d’angolo. Troppo poco, però, per bissare il successo ottenuto al Friuli con il Frosinone.

UDINESE-SASSUOLO 0-0
Udinese (3-5-2): Karnezis 6; Wague 6.5, Danilo 6.5, Felipe 6.5; Edenilson 5.5, Badu 6, Lodi 6, Bruno Fernandes 6, Ali Adnan 6.5 (22’st Widmer 6); Di Natale 5.5 (22’st Perica 5.5), Thereau 5.5 (29’st Aguirre sv). (90 Romo, 97 Meret, 13 Insua, 26 Pasquale, 75 Heurtaux, 89 Piris, 23 Marquinho, 41 Pontisso, 74 Aguirre). All.: Colantuono.
Sassuolo (4-3-3): Consigli 6.5; Vrsaljko 6.5, Terranova 6 (35’st Ariaudo sv), Acerbi 6.5, Longhi 6 (18’st Gazzola 6); Missiroli 6, Biondini 6.5, Duncan 6; Berardi 6, Defrel 5.5, Floro Flores 6 (12’st Politano 5.5). (1 Pomini, 79 Pegolo, 5 Antei, 20 Ariaudo, 21 Fontanesi, 23, 4 Magnanelli, 6 Pellegrini, 10 Laribi, 9 Falcinelli, 99 Floccari). All.: Di Francesco.
Arbitro: La Penna di Roma 5.5.
Angoli: 9-1 per l’Udinese.
Recupero: 0 ‘ e 4’.
Ammoniti: Missiroli, Danilo, Biondini per gioco scorretto.
Spettatori: 9.150.

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 248 volte