Cesarano: “Ieri il Napoli ha cambiato sette giocatori senza perdere la propria identità, ciò è sorprendente”

cesaranoRINO CESARANO, storica firma del Corriere dello Sport, è intervenuto a “FUORI GARA”, su Radio Punto Zero, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, condotta da Michele Sibilla e Fabio Tarantino. Ecco quanto ha affermato: “Mi sono meravigliato quando il Napoli, sul 5 a 0, continuava ad attaccare. La cosa che va sottolineata maggiormente non è la vittoria ma la prestazione di chi era in campo. Il Napoli ha cambiato sette giocatori e non ha perso la propria identità. Ho chiesto a Sarri come avesse fatto a costruire questo giocattolo, ma lui faceva fatica a spiegarmelo; poi è venuto un suo collaboratore, Bongiorni, e mi ha detto che il vero segreto è il gruppo, lo spogliatoio, il modo in cui i calciatori ascoltano l’allenatore. Il segreto di Sarri sono anche i suoi collaboratori, persone molto umili e preparate che conoscono benissimo la città di Napoli e si sono calati perfettamente nella nuova realtà. Rugani? E’ molto forte e ancora giovane, ma non credo che il Napoli si svenerà per lui. Occorre come il pane un altro centrocampista a questa squadra, un elemento che possa avere quantità e qualità. Sarri ha già concordato con De Laurentiis la strategia di mercato e Giuntoli si sta già muovendo”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 656 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!