Mandorilini: «Conferma? Me la sono meritata»

Il mio faccia a faccia con la squadra di ieri? Quello che ci siamo detti rimane tra noi. Dobbiamo recuperare mentalmente le condizioni, in questo momento poche chiacchiere e lavoriamo”. Così Mandorlini in conferenza stampa parla della situazione del Verona:“Ci siamo parlati, come sempre, non è che uno si rincoglionisce in un mese e mezzo, questo lavoro parte da lontano, credo di aver guadagnato del credito nel tempo. Non mi sono mai sentito solo, questa situazione mi fa sentire più forte, mai stato nudo o da solo, ci troviamo in una situazione eccezionale e dobbiamo fare qualcosa di eccezionale per uscirne, tutti assieme. Voglio che torni la mia squadra, – dice l’allenatore – voglio vedere ancora gli occhi cattivi, in questo momento non ci riesce, dobbiamo fare di più. Siamo ancora qua e io ci credo, le mie motivazioni sono più forti di prima”.

BIGON – In conferenza stampa è presente anche il direttore sportivo Riccardo Bigon: La riconferma del mister? La scelta è maturata valutando i fatti, quelli che abbiamo avuto negli anni passati e in questi mesi. Mandorlini ha dimostrato con i fatti e col lavoro sul campo quello che ha fatto e che può dare alla squadra. Siamo consapevoli della difficoltà del momento che non ci rendono contenti, ma sappiamo che abbiamo le chances di uscirne appoggiandoci al lavoro quotidiano per arrivare al risultato finale. Io sono molto autocritico, spesso anche troppo, normale che ci siano delle responsabilità, ce le assumiamo tutti. Chi non fa non sbaglia, mentre chi non sa fare spesso parla. Credo che la cosa fondamentale oggi non sia cercare un colpevole, ma arrivare all’obiettivo finale, la salvezza e ci dobbiamo andare tutti uniti, e lo dico, sai chiaro, non per scrollarmi di dosso le responsabilità. Nel calcio la fiducia è incondizionata fino a domani, per tutti e per me in primis”.

corriere dello sport

Commenti

Questo articolo è stato letto 242 volte