Roma, Gervinho ko: fuori tre settimane

ROMA – Una tegola, inaspettata elle ultime ore. L’infortunio di Gervinho è più serio di quanto potesse sembrare inizialmente: lesione di primo grado al retto femorale della coscia, questo l’esito, decisamente sconfortante, degli esami strumentali. Un problema che toglierà a Garcia una delle sue armi migliori per tre settimane. Due, se il recupero procedesse più rapido del previsto, ma per l’ottimismo c’è tempo.

GERVINHO OUT 3 SETTIMANE: RIENTRO A NAPOLI? – Oggi resta la sensazione di amaro in bocca. Niente Bologna ovviamente. Ma nemmeno Barcellona, Atalanta, Torino e probabilmente Bate Borisov: insomma, la Champions per Gervinho rischia di essere finita qui, se la Roma non riuscirà a strappare un pass per gli ottavi. Soprattutto, rischia di concludersi il suo 2015: l’obiettivo è tornare a disposizione contro il Napoli, il 13 dicembre. Ma certo se Garcia sperava nelle accelerazioni dell’ivoriano per non far rimpiangere Salah (che sta recuperando gradualmente dall’infortunio alla caviglia) ora dovrà trovare una soluzione alternativa. C’è ovviamente Iturbe, c’è Iago Falque, esiste anche l’ipotesi di avanzare Florenzi. Ma negli ultimi 3 anni, quelli della gestione Garcia, quando la Roma non ha avuto a disposizione Gervinho – o il miglior Gervinho – ha sempre faticato.

DZEKO CONTRO IL TABU’ NATALIZIO – Anche per questo ora dovrà affidarsi come mai prima a Edin Dzeko. Si è sbloccato contro il Leverkusen, s’è ripetuto nel derby, ha segnato un gol (inutile, ai fini della qualificazione) con la propria nazionale. Ora la Roma gli chiede di diventare decisivo. Di prendersi da qui a Natale la squadra sulle spalle a suon di reti pesanti. Ma dovrà infrangere un tabù: in campionato infatti non segna nel mese tra il 20 novembre e il 20 dicembre addirittura da 5 anni anni. L’ultima volta era addirittura al Wolfsburg, poche settimane prima di trasferirsi in Premier League, dove nelle settimane prima del Natale non ha mai segnato. Semmai lo ha fatto subito dopo, tra il 28 e il 29 dicembre, quando la Premier si veste a festa e la serie A invece riposa. Ora, dopo due mesi di digiuno interrotti, Roma gli chiede di non fermarsi.

as roma

serie A
Protagonisti:
gervinho

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 254 volte