Bologna-Roma 2-2: diluvio e rigori, Destro frena i giallorossi

BOLOGNA – Pallanuoto più che calcio. Nella piscina del Dall’Ara va in scena l’anticipo della tredicesima giornata sotto una continua e fitta pioggia, con un vento fastidioso, e su un terreno di gioco ai limiti della praticabilità. Il match si gioca comunque e allora Bologna e Roma si affrontano impostando per forza di cose la gara sul piano fisico. I padroni di casa cominciano meglio e Masina realizza l’1-0. Nella ripresa la Roma reagisce, usufruisce di due calci di rigori (fallo di mano di Mounier e intervento di Rossettini su Iturbe) che Pjanic e Dzeko non sbagliano. Gli emiliani non ci stanno e Destro sigla il 2-2 dopo un rigore conquistato da Giaccherini.

GOL DI MOUNIER REGOLARE – Garcia opta per Florenzi al posto di Iago Falque nel tridente offensivo del suo 4-3-3: con l’azzurro ci sono Dzeko e Iturbe. A centrocampo Pjanic, Keita e Nainggolan. Maicon fa il terzino destro. Donadoni risponde con un modulo speculare con Giaccherini, l’ex Destro e Mounier in attacco. In mezzo al campo c’è un altro ex romanista, Brighi, coi giovani Diawara e Donsah. La partita è condizionata dal terreno pesante e dal forte vento e quindi si assiste ad azioni anche comiche e a un calcio spesso da parrocchia. Giaccherini all’8’ sbaglia tutto cercando un dribbling su Maicon invece di concludere in area da buona posizione. Non sbaglia invece al 10’ Mounier che tocca in rete una palla ben servita da Giaccherini. Sarebbe gol ma Rocchi annulla per una segnalazione errata del guardalinee.

MASINA COLPISCE – Ma la Roma soffre mentre il Bologna sembra essersi adattato prima e meglio al terreno bagnato. Al quarto d’ora arriva il vantaggio rossoblù: corner, mischia furibonda in area capitolina con batti e ribatti. Alla fine la sfera schizza dalle parti di Masina, lasciato solo da Maicon: sinistro e rete. Poco dopo si scatena Destro sul fondo: tunnel a Rudiger, Keita viene superato, palla fuori per Diawara che però conclude in corsa sul fondo. La gara diventa nervosa, tante le scivolate cercate sul terreno pesante, ma tante anche le gambe colpite e gli ammoniti. Alla mezz’ora Diawara la combina grossa colpendo la palla con la mano nella sua area: sarebbe rigore per la Roma ma Rocchi non vede. Mirante al 38’ esce dalla sua area e commette fallo di mano: i giocatori ospiti chiedono il rosso ma non c’è chiara occasione da gol. Giusto il giallo scelto dall’arbitro. Pjanic batte la punizione e Mirante si fa perdonare con un volo a sventare in angolo.

Bologna-Roma 2-2: diluvio e rigori, Destro frena i giallorossi

Destro su rigore regala il 2-2 al Bologna

DOPPIO RIGORE PER LA ROMA – Il Bologna parte bene anche nel secondo tempo ma Destro dopo una manciata di secondi conclude debolmente tra le braccia di Szczesny. Poi viene fuori la Roma che finalmente si adatta alle condizioni meteo e gioca di conseguenza. Al 6’ Florenzi va al cross dalla sinistra e Mounier saltando si oppone con un braccio molto largo. Rigore che Pjanic realizza. Al quarto d’ora ancora bravo Florenzi, stavolta sulla destra: traversone per la testa di Dzeko che però conclude male. Garcia cambia e inserisce Torosidis e Vainqueur al posto di Maicon e Keita. Dopo che Dzeko non controlla in area dopo un lancio lungo, facendosi fermare da Mirante, Donadoni rimpiazza Donsah con Taider. Ma soprattutto arriva un secondo calcio di rigore per la Roma. Minuto 25: Iturbe, fino a questo momento nullo, controlla palla in area e poi cade contrastato da Rossettini che forse tocca la palla, forse no. L’azione è poco chiara, Iturbe è sicuramente furbo e Rocchi non ha dubbi. Stavolta trasforma Dzeko dagli undici metri.

LA GIOIA DI MATTIA DESTRO – Intanto Donadoni perde Maietta che dopo un colpo al naso subito da Dzeko e dopo le cure mediche, si stende in campo stordito. Al suo posto entra Mancosu. La partita continua a essere un match di pallanuoto e quindi la Roma non riesce a gestire il vantaggio giocando la palla. E’ un continuo lancio lungo per cercare il contrasto vincente nelle pozzanghere. Ma l’azione di Giaccherini al 41’ è da grande giocatore: punta Torosidis in area e il difensore giallorosso ci casca in pieno entrando sulle gambe dell’ex Sunderland. Sul dischetto ci va il grande ex dal dente avvelenato, Mattia Destro, che scarica di potenza alle spalle di Szczesny e poi togliendosi la maglietta va a esultare sotto la curva.

Bologna-Roma 2-2 (1-0).
Bologna (4-3-3):
Mirante 6,5, Rossettini 5,5, Maietta 6 (34’st Mancosu 5,5), Gastaldello 6, Masina 6,5, Donsah 6,5 (24’st Taider 6), Diawara 6, Brighi 6, Mounier 5 (31’pt Rizzo 6), Destro 7, Giaccherini 7. (1 Da Costa, 32 Stojanovic, 3 Morleo, 2 Oikonomou, 24 Ferrari, 15 Mbaye, 6 Crisetig, 23 Brienza, Falco). All.: Donadoni 6,5.
Roma (4-3-3): Szczesny 6, Maicon 5 (18′ Torosidis 4,5), Manolas 6, Ruediger 5,5, Digne 6, Pjanic 6, Keita 5,5 (18’st Vainqueur 5,5), Nainggolan 7, Florenzi 6,5, Dzeko 6,5, Iturbe 5,5 (43’st Sadiq sv). (1 Lobont, 26 De Sanctis, 5 Castan, 23 Gyomber, 33 Emerson, 48 Ucan, 18 Ponce, 53 D’Urso, Falque). All.: Garcia 6.
Arbitro: Rocchi di Firenze.
Reti: nel pt 14′ Masina; nel st 7′ Pjanic su rigore, 27′ Dzeko su rigore, 42′ Destro su rigore.
Angoli: 5-4 per il Bologna.
Recupero: 1′ e 6′.
Ammoniti: Keita per fallo di mano, Donsah, Maietta, Iturbe, Torosidis per gioco scorretto, Nainggolan, Gastaldello, Mirante e Destro per comportamento non regolamentare.
Spettatori: 23.304 di cui 12.734 abbonati per un incasso di 469.139 euro di cui 184.882 rateo abbonamenti.

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 392 volte