Stankovic mette in guardia l’Inter: “Udinese molto pericolosa. Il ritorno qui…”

Intervistato da ‘Il Messaggero Veneto’, Dejan Stankovic ha parlato dell’imminente sfida dell’Inter contro l’Udinese, squadra del recentissimo passato del serbo (viceallenatore ai tempi di Stramaccioni). Queste le parole del ‘Drago’: “I bianconeri sono una squadra orgogliosa, questa partita nasconde molti pericoli. Basti vedere la partita della scorsa stagione, che io ho vissuto da avversario: noi dell’Udinese eravamo in 9 e in svantaggio per 1-2, eppure al 90′ abbiamo sfiorato il pareggio con Perica. L’orgoglio non manca neanche adesso, nel gruppo che è di Colantuono. E’ un gruppo con talento e valori, che ha ottimi giocatori come Danilo, Karnezis, Piris, Wague, Widmer. Quest’anno non sono stati molto fortunati. L’Udinese è un piccolo grande club, ha organizzazione, idee e fa investimenti mirati. Sarà un piacere ritrovare i dirigenti, mi sento privilegiato perché a 36 anni ho allenato una realtà di primo livello”.

Si parla poi del suo ritorno all’Inter in qualità di Team manager: “Sono tornato a casa, qui ho giocato per dieci anni e non potevo dire di no, mi affascinava l’idea di diventare dirigente all’Inter. Ora sto lavorando gomito a gomito con professionisti del calibro di Mancini e Ausilio, e puntiamo in alto. Udine, però, mi resterà nel cuore perché è stata la mia prima esperienza. Mi dissero che andavo a lavorare in una realtà fredda, ma era una bugia: la gente mi ha fatto sentire come uno di famiglia”.

interlive

Commenti