Nicolino Castiello: “Uno dei meriti di Sarri è quello di aver formato mentalmente la squadra”

Sarri_DMF_0252 Napoli-Legia 10/12/2015 foto De MartinoNICOLINO CASTIELLO, ordinario di geografia economica e geografia politica alla Facoltà di Economia dell’Università degli Studi Federico II, è intervenuto a “FUORI GARA”, su Radio Punto Zero, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, condotta da Michele Sibilla e Fabio Tarantino. Ecco quanto ha affermato: “Era prevedibile l’atteggiamento della Roma. I giallorossi hanno fatto il compitino, l’unico lato positivo è quello di aver bloccato il nostro centrocampo. Sarri ha brillantemente superato l’esame di laura a pieni voti. L’impatto è stato difficile, poi si è ripreso alla grande. Domenica hanno raggiunto tutti la sufficienza ma è mancato il gioco di sempre. Quest’anno il Napoli ha una grande chance. Uno dei meriti di Sarri è quello di aver formato mentalmente la squadra. C’è ancora da lavorare sul piano tattico. Tutti i componenti della rosa possono ancora crescere. Le sfide europee delle italiane rappresentano test importantissimi. Se l’Italia vuole risalire la china è opportuno affrontare subito le big come Real Madrid e Bayern Monaco. Nel mondo del calcio esistono tanti Blatter e Platini, ma dall’altra parte c’è gente pura e sincera che fa bene a questo sport. Sarri, ad esempio, si è approcciato con modestia alla piazza di Napoli ed è riuscito a farsi apprezzare. Il San Paolo non è più adatto ai tempi moderni. Lo sport non è il dilettantismo di 50 anni fa ma richiede un insieme di strutture e di professionalità importanti. Attorno ad una partita di calcio gira un mondo colmo di interessi. L’ideale sarebbe creare una nuova struttura altrove”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 750 volte