Alessandro Pellegrini: “A Sarri non interessa nulla del contratto. Tutte le energie, le spenderà per questo finale di stagione”

pellegriniA Radio Crc nel corso di “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Alessandro Pellegrini, procuratore di Sarri

“Stasera ho un impegno diverso dagli standard e domani incontrerò Sarri, si tratta di una visita di routine, devo controllare il suo stato di salute e preparargli una bella spremuta d’arancia.

Non è una guerra di nervi tra Allegri e Sarri. Quella di Allegri era semplicemente una risposta sullo stesso ambito citato da Maurizio. Allegri ha stravinto la panchina d’oro, è un grande tecnico, ha fatto meglio di Conte e quest’anno ha rivoluzionato la squadra ed ha colmato il gap in poco tempo, oltre ad essere ancora in corsa su tutti i fronti. E’ un grandissimo allenatore, non può preoccuparsi di Sarri, ma di tenere carica la Juventus, perché sa che ad oggi i bianconeri hanno più da perdere rispetto al Napoli.

Se il Napoli gioca come sa fare, Allegri fa bene a dire teniamo le mani sul manubrio, perché il traguardo non è ancora arrivato ed il Napoli è lì.

Scadenza del contratto 30 aprile? Sarri non sta aspettando che De Laurentiis faccia scattare l’opzione. Anche per necessità, Maurizio rimanda a me questa materia, ma a prescindere da ciò, del contratto non gliene frega assolutamente nulla. Il massimo sforzo di Sarri è fare un prelievo al bancomat e fare la spesa, per cui chi immagina che Sarri possa pensare ai giorni che mancano al 30 aprile mi viene da ridere. Il contratto è un momento di riflessione in cui un allenatore deve confrontarsi e ha bisogno di tempo e di una predisposizione mentale. Se le sue energie servissero per vincere lo scudetto, ne avremmo già parlato, ma le energie sono tutte su Palermo-Napoli. Ne parleremo quando le partite saranno terminate ed ogni sforzo sarà stato speso per il raggiungimento del risultato. Non ho detto che Sarri resterà a Napoli il prossimo anno, il contratto non fa parte delle nostre priorità, non ci interessa, siamo impegnati a fare altro. Non mi sono confrontato con Sarri né ho intenzione di farlo, siamo concentrati su un obiettivo che è troppo più importante. La partita di Palermo sarà determinante e non possiamo pensare a null’altro che alla partita.

Vi racconto come abbiamo salutato l’Empoli l’anno scorso: i contatti con altre squadre potevano anche essere iniziati prima, ma Sarri fece sapere che non voleva sapere nemmeno chi fossero queste squadre perché doveva finire il campionato. Al termine, fummo chiamati dal Napoli e la storia di Sarri parla più di ogni dichiarazione. Le distrazioni non sono consentite, finiremo il lavoro e poi ci occuperemo delle altre cose e il contratto viene dopo la fine del campionato.

C‘è modo e modo per parlare di fatturati. C’è chi lo usa, come noi, per far capire che i tifosi possono sognare anche se ci battiamo con la prima squadra in Italia. Se dopo un mese così difficoltoso siamo ancora lì, vuol dire che è stato fatto qualcosa di straordinario. Nel momento più delicato, i tifosi sono stati gli unici ad applaudire la squadra”.

Il presente comunicato è stato inviato da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto dello stesso

Commenti