Empoli, Giampaolo: “Non facciamo calcoli, pensiamo a vincere”

Empoli, Giampaolo: "Non facciamo calcoli, pensiamo a vincere"Marco Giampaolo (ansa) EMPOLI – Contro la Sampdoria, l’Empoli ha interrotto una striscia negativa che rischiava di vanificare il gran lavoro fatto dagli azzurri toscani nella prima metà di stagione. A sette giorni di distanza, al Castellani arriva il Palermo di Walter Novellino, in una sfida che può chiudere il discorso salvezza per gli uomini di Marco Giampaolo: “Vogliamo tornare a vincere, non ci interessa fare calcoli – assicura il tecnico dell’Empoli in conferenza stampa – Mi aspetto un Palermo che verrà qui a Empoli per fare risultato, ne hanno bisogno: se fossi nei loro panni, verrei a giocare per vincere la partita ma è quello che vogliamo anche noi. Troveremo una squadra attenta e sono sicuro che faranno una partita agonisticamente importante”.

“ROSANERO INDECIFRABILI, ABBIAMO LAVORATO SU DI NOI” – “Sono una squadra meno decifrabile rispetto alle altre perché non sappiamo come giocheranno – riconosce Giampaolo – Contro il Napoli hanno cambiato tre volte sistema di gioco hanno spostato i giocatori in vari ruoli. Per questo abbiamo lavorato sull’Empoli, perché non abbiamo elementi. Abbiamo lavorato sui noi stessi. Il pari con la Samp? Ci è servito molto, soprattutto sul piano del morale anche se la squadra non aveva mai fatto mancare la prestazione, mancavano solo i risultati. È un risultato che pesa perché ci ha permesso di spezzare un trend negativo”.

“LA DIFESA HA BISOGNO DI CONTINUITÀ” – A pesare sulle difficoltà recenti dell’Empoli è stata la continua situazione d’emergenza, soprattutto nel pacchetto arretrato: “Adesso poi abbiamo recuperato anche diversi giocatori, abbiamo tutti a disposizione escluso Cosic – afferma il tecnico azzurro – quando ci sono tutti sono più contento. Comunque devo dire che i ragazzi mi hanno sempre dimostrato grande disponibilità, ma quando devi cambiare spesso non è facile. Il reparto difensivo ha bisogno di continuità, cosa che noi, nell’ultimo periodo, non abbiamo avuto. Abbiamo comunque apprezzato le qualità di chi ha giocato meno e si è fatto trovare pronto. Costa si è allenato bene, l’ho rivisto ai suoi livelli, il Costa che conoscevo, mentre Tonelli è stato all’inferno e poi è tornato e ora sa cosa vuol dire. Adesso torna a giocare e per noi, è un rientro importante. Quello che ha passato gli sarà sicuramente servito da esperienza”.

“IL RINNOVO NON È UNA PRIORITÀ” – “Sarà importante avere pazienza – spiega Giampaolo, tornando alla sfida coi rosanero – la nostra squadra non è frenetica, è una squadra che sa quello che deve fare. Dobbiamo dare alla partita l’importanza giusta giocare per vincere come abbiamo sempre fatto. Mancano ancora 8-9 partite alla fine del campionato e credo che l’Empoli debba chiudere la stagione nel migliore dei modi rispettando quanto fatto nella prima parte della stagione. Il rinnovo? A tempo debito ne discuteremo, ci sono delle priorità e questa, oggi, non lo è. Dobbiamo fare un campionato di livello, rispettare la società e i tifosi, ma anche noi stessi. Poi vedremo”.

empoli calcio

serie A
Protagonisti:
marco giampaolo

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 284 volte