Milan, Galliani si aggrappa alla coppa: ”Può salvare la stagione”

Milan, Galliani si aggrappa alla coppa: ''Può salvare la stagione''Sinisa Mihajlovic (ansa) MILANO – Non c’è ancora la soluzione al filotto nero del Milan allungato dalla sconfitta di ieri a Bergamo con l’Atalanta: “E’ un momento difficile. Stavamo andando bene, marciando a buon ritmo, poi c’è stato uno stop inaspettato e ci siamo chiesti come mai sia successo”, ha detto Adriano Galliani questa mattina a Radio 1. Non è facile neanche per chi è all’interno del Milan capire i motivi che hanno provocato questa involuzione: due sconfitte con Sassuolo e Atalanta, due pareggi con Chievo e Lazio.
 
RISCHIO SORPASSO –  E soprattutto lo spettro di una rimonta che sembrava solo un’ipotesi poche settimane fa, mentre è diventata realtà adesso: dopo l’ultima giornata, il Sassuolo è a portata di sorpasso al 6° posto che vale la qualificazione all’Europa League, una posizione scomoda perché obbliga a partire con i preliminari a fine luglio costringendo a rivedere i programmi estivi, ma pur sempre un modo per tornare in Europa. I nero-verdi, allenati da Di Francesco papabile successore di Mihajlovic a fine stagione, sono a -1 e sabato avranno l’occasione di mettere alla freccia. Alle 18 gli emiliani saranno impegnati in casa con il Genoa, ben più complicato l’impegno che attende i rossoneri avversari della Juventus a San Siro poche ore dopo, alle 20.45.

DOPPIA RISPOSTA CON LA JUVENTUS –  Saranno proprio i bianconeri a dare le risposte definitive al finale di stagione milanista. Oltre alla sfida di campionato all’orizzonte inizia ad assumere una valenza fondamentale la finale del 21 maggio all’Olimpico: “Abbiamo due partite con la Juventus, prima in campionato e poi in Coppa Italia – aggiunge Galliani – la finale di Coppa Italia potrebbe cambiare la storia di questa stagione. Dovessimo vincere, potremmo chiudere bene”. E’ l’ultimo appiglio di una squadra che rischia di perdere tutto in questo finale estremamente confuso: un altro inizio di primavera nel quale, come successo sempre negli ultimi anni, non ci sono certezze sull’avvenire prossimo. Mihajlovic, d’accordo con la società, prova a reagire portando tutta la squadra in ritiro fino alla partita di sabato con la Juventus.

ANALISI SENZA SCUSE –  Il tecnico serbo ha usato parole molto forti dopo il ko con l’Atalanta. Un altro tentativo di scuotere una squadra ormai priva di sicurezze (il crollo di risultati per ora coincide con l’inizio dell’assenza di Niang). Sabato la Juventus lanciata verso il 5° scudetto consecutivo dirà se il Milan è riuscito a trovare qualche spiegazione alla sua crisi. Ma il responso definitivo, a questo punto, arriverà all’Olimpico nella finale di Coppa Italia.  

COME AI TEMPI DI CESARE – Galliani ha ricordato Cesare Maldini: “Speriamo di tornare grandi, come ai tempi di Cesare Maldini”. Domani, in occasione dei funerali a Sant’Ambrogio, sarà presente tutta la squadra: “Stiamo pensando a qualcosa di molto importante per ricordarlo, in linea con l’eleganza e la signorilità di Maldini. Ne stiamo parlando con il presidente Berlusconi”. L’ad milanista ha voluto ringraziare i tifosi dell’Inter che, ieri sera in occasione del minuto di silenzio prima della partita col Torino, hanno ricordato con affetto Cesare Maldini: “Sono stati molto carini nell’applaudire un giocatore che avevano conosciuto da avversario”. milan ac

serie A
Protagonisti:
adriano galliani
sinisa Mihajlovic

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 306 volte