Inter, Ausilio: ”Avanti con Mancini e Icardi”

Inter, Ausilio: ''Avanti con Mancini e Icardi''Mauro Icardi (ansa) MILANO – L’Inter riparte da Roberto Mancini e da Mauro Icardi. Questo è il pensiero del direttore sportivo dei nerazzurri Piero Ausilio, che giudica la stagione interista – fino qui disputata – sufficiente: “Al nostro campionato darei un 6”. Il dirigente parla di campo e anche di mercato. Mentre preferisce non inoltrarsi in questioni societarie. Meglio lasciare ad altri commenti sulla delicata questione. “So poco di queste cose (di società), mi occupo d’altro. Ho lavorato benissimo con Moratti e lo sto facendo anche con Thohir. Il presidente ha affermato di voler andare avanti e noi stiamo programmato il futuro con lui”, sottolinea a ‘Radio Anch’io lo Sport’ Ausilio, che come il tecnico non perde la speranza di conquistare il terzo posto: “Provare ad entrare in Champions è ancora un nostro obiettivo, ci vogliamo provare nonostante il distacco della Roma. Certo, mancano poche partite ma ci dobbiamo credere ancora. Il campionato è assolutamente regolare: alla fine i valori della classifica sono sempre quelli che il campo esprime”.

MERCATO, SI COMPRA SOLO SE C’E’ L’OCCASIONE – “Abbiamo deciso di riprogrammare il futuro, quest’anno abbiamo 13 punti in più rispetto alla scorsa stagione, andiamo avanti con Mancini e con questi calciatori, se poi ci sarà l’occasione compreremo ancora. Biglia è un giocatore che ci piace ma Lotito non lo ha mai messo in vendita e sicuramente non a prezzi abbordabili”, spiega Ausilio facendo il punto sul mercato estivo, il ds poi ricorda: “L’Inter ha firmato un contratto con la Uefa che prevede il rispetto di determinati parametri, ci deve essere autofinanziamento con progettualità. La strada è questa, la Uefa non permette altre soluzioni”.

INTER ITALIANA, PERCHE’ NO? – “Italianizzare la squadra piacerebbe tantissimo, Eder è un segnale in questa direzione”, afferma Ausilio proseguendo: “Ci stiamo provando ma non è facile. Biabiany e Icardi sono due giocatori che sono arrivati nel nostro paese da tanti anni e possono essere considerati quasi italiani”.

UNA SQUADRA PER ICARDI – “Maurito è un giocatore troppo importante per privarsene. Alla sua età nessuno aveva segnato già 50 gol, è il nostro capitano e costruiremo la squadra intorno a lui. Stiamo cercando di fare il possibile per tornare nelle primissime posizioni della classifica”, ha concluso Ausilio.

Inter

serie A
Protagonisti:
Piero Ausilio
mauro icardi
Roberto Mancini

Fonte: Repubblica

Commenti