Inter, Mancini assolto per il crac Img. Il pm aveva chiesto 3 anni e mezzo

Roberto Mancini assolto dall’accusa di bancarotta fraudolenta: la Procura di Roma aveva chiesto per l’allenatore dell’Inter una condanna a tre anni e mezzo di reclusione. La richiesta era arrivata oggi da parte del pm Stefano Rocco Fava nell’ambito del processo con rito abbreviato legato al crac finanziario della società Img Costruzioni.
ASSOLTO — A poche ore di distanza dalla richiesta del pm Fava,
è arrivata la decisione del gup di Roma, Paola Della Monica, che ha assolto Roberto Mancini dall’accusa di bancarotta perché il fatto non sussiste e non costituisce reato. “Sono contento” sono state le prime parole del tecnico dell’Inter al suo avvocato Carlo Longari che gli ha comunicato con una telefonata la decisione del gup. Rinviato invece a giudizio il costruttore Marco Mezzaroma e condannato a 3 anni di reclusione l’avvocato Stefano Gagliardi che, con il tecnico nerazzurro, aveva chiesto il giudizio abbreviato
fonte, gazzetta.it
Commenti