Lazio, Lulic fuori per l’Empoli. Ma Inzaghi recupera Bisevac

Lazio, Lulic fuori per l'Empoli. Ma Inzaghi recupera BisevacSenad Lulic (agf) ROMA – Ancora out Senad Lulic, che rischia sempre di più di dover saltare la prossima partita all’Olimpico con l’Empoli. L’esterno sinistro non si è allenato nemmeno nell’ultima seduta e costringe Simone Inzaghi a valutare tra i giovani le possibile alternative.

LULIC ANCORA OUT: SI SCALDA IL BABY GERMONI – A disposizione del tecnico, infatti, al momento c’è il solo Germoni (oltre all’aggregato alla prima squadra Seck) per sostituire il bosniaco nel ruolo di terzino sinistro, a meno che il nuovo tecnico non decida di optare per il “piano b” descritto alla sua prima conferenza stampa, quindi l’adattamento di Patric o Mauricio sulla fascia sinistra. Per valutare la possibilità di spostare lo spagnolo sull’altro lato, però, molto dipenderà dal possibile recupero di Basta, che ha partecipato solo alla fase del riscaldamento, saltando tutto il resto della sessione di allenamento. Recuperato invece Bisevac: l’allarme per il ginocchio del serbo è già rientrato e il centrale difensivo è stato provato ancora una volta al fianco di Gentiletti.

INZAGHI VALUTA IL TREQUARTISTA DIETRO DUE PUNTE – Ormai completamente ristabilito pure Milinkovic, che si gioca una maglia da titolare con Onazi. I due sono stati provati entrambi nella posizione di mezzala destra, ora Inzaghi dovrà decidere se puntare sulla qualità dell’ex Genk o sulla maggiore copertura che garantisce il nigeriano. L’outsider è Ravel Morrison, che anche nell’ultimo allenamento è stato testato nel ruolo di interno, ma sul lato sinistro. Il giovane inglese sta guadagnando posizioni nelle gerarchie del nuovo allenatore: probabile che a breve riesca a trovare spazio. Per quanto riguarda lo schieramento d’attacco, invece, oltre al classico tridente Inzaghi studia pure la formula del trequartista dietro due punte. Può essere una soluzione alternativa da provare in questo finale di campionato.

serie A

ss lazio
Protagonisti:

Fonte: Repubblica

Commenti