Torino-Sassuolo 1-3, i neroverdi si avvicinano all’Europa

TORINO – Con una prova convincente, il Sassuolo espugna Torino, rialza la testa dopo tre giornate e resta in corsa per l’Europa League. Un successo vitale e meritato da parte degli uomini di Di Francesco che hanno dimostrato di avere evidentemente più motivazioni degli avversari. I granata escono a testa bassa, travolti dai fischi nello stadio per la prima volta intitolato al Grande Torino. E’ vero che ormai i giocatori di Ventura hanno poco da chiedere al campionato ma è anche vero che la memoria della storica squadra scomparsa a Superga nel ’49 avrebbe decisamente meritato un’altra esibizione.

IL TORO PERDE OBI IN EXTREMIS – Costretto ad aggiungere anche Biondini e Defrel alla lunga lista di infortunati, Di Francesco ha deciso di rilanciare Duncan nel ruolo di intermedio e ha affidato a Falcinelli la maglia da centravanti. Il Toro, oltre a Maksimovic, all’ultimo momento si è visto costretto a rinunciare anche a Obi, fermato da un problema muscolare nel riscaldamento. Così Ventura ha cambiato due pedine nella squadra uscita sconfitta, ma a testa alta, a Roma: ha riproposto Bovo in difesa e ha inserito Acquah in mediana.

BRUNO PERES RISPONDE A SANSONE – I granata sono partiti bene, sfiorando il vantaggio dopo appena 50″ con un destro in girata dal limite di Belotti, ma sul capovolgimento di fronte sono andati sotto: Duncan da sinistra ha centrato per l’accorrente Sansone che con un perentorio stacco di testa ha insaccato il pallone alla sinistra di Padelli. Il Toro non si è disunito e già al 7′ ha pareggiato: gran parte del merito va a Baselli che è ripartito in contropiede dopo un angolo degli avversari e ha smarcato in area Bruno Peres bravo a battere Consigli con un preciso destro in diagonale.

TRAVERSA DI MARTINEZ – La gara è rimasta equilibrata e combattuta con le due squadre brave a contenere gli avanti avversari. Il Sassuolo si è visto, così, costretto a provarci da lontano con Magnanelli e Duncan, il Toro lo ha imitato con un gran destro da lontano di Acquah fuori di poco. L’unico a riuscire ad andar via al diretto marcatore è stato al 42′ Martinez che, su un lancio smarcante di Peres, si è liberato di Cannavaro ma ha sciupato tutto spedendo un sinistro sulla traversa.

PELUSO FA FELICE DI FRANCESCO – Nella ripresa i granata ci hanno provato ancora ma con poca convinzione, mancando il bersaglio con Belotti e Peres. Il Sassuolo ha capito di dover cambiare passo e, a poco a poco, ha preso possesso del centrocampo. I neroverdi si sono visti negare un netto rigore (fallo di Moretti su Falcinelli lanciato a rete) ma non si sono demoralizzati. Con l’ingresso di Politano al posto di Sansone hanno trovato nuova linfa e al 75′ sono passati: Peluso ha anticipato Glik su un angolo dalla sinistra di Berardi e in tuffo di testa ha infilato Padelli.

TROTTA ENTRA E SEGNA – Ventura, che in precedenza aveva provato a ravvivare il centrocampo con gli inserimenti di Farnerud e Benassi al posto di Baselli e Acquah, si è giocato la carta Maxi Lopez ma il Sassuolo si è chiuso con ordine. E approfittando degli ingressi di Trotta e Longhi ha confezionato anche il tris. Il terzino ha lanciato in contropiede l’ex attaccante dell’Avellino che, solo davanti a Padelli, non ha avuto problemi a segnare il primo gol in serie A. E così il sogno del Sassuolo resta vivo. Il Milan è distante un solo punto e il calendario favorevole invita davvero a sperare.
TORINO-SASSUOLO 1-3 (1-1)
Torino (3-5-2): Padelli 5.5, Bovo 5.5, Glik 5.5, Moretti 5.5, Bruno Peres 7, Acquah 6 (27′ st Farnerud 5.5), Gazzi 6.5, Baselli 6.5 (25′ st Benassi 5.5), Gaston Silva 5.5 (36′ st Maxi Lopez sv), Martinez 6, Belotti 5.5. (28 Ichazo, 13 Castellazzi, 3 Molinaro, 4 Obi, 7 Zappacosta, 18 Jansson, 20 Vives, 90 Edera). All.: Ventura. Sassuolo (4-3-3): Consigli 6, Vrsaljko 6, Cannavaro 6, Acerbi 6, Peluso 7, Pellegrini 6.5, Magnanelli 6, Duncan 6.5, Berardi 6.5 (45′ st Longhi 6.5), Falcinelli 6.5 (40′ st Trotta 7), Sansone 7 (25′ st Politano 6.5). (1 Pomini, 79 Pegolo, 18 Pierini, 20 Abelli, 21 Ferrini, 37 Broh, 98 Adjapong). All.: Di Francesco.
Arbitro: Fabbri di Ravenna 5.
Reti: nel pt 2′ Sansone, 7′ Bruno Peres; nel st 30′ Peluso, 49′ Trotta.
Angoli: 4-4
Recupero: 1′ e 4′.
Ammoniti: Peluso, Moretti e Gazzi per gioco scorretto.

serie A

torino fc
sassuolo calcio
Protagonisti:

Fonte: Repubblica

Commenti