Il mercato a rilento e la questione Higuain

Il mercato del Napoli sembra non ‘decollare’ e tiene sempre banco la questione spinosa relativa al Pipita. Le preoccupazione dei tifosi sono in parte legittime, ma proviamo a ragionare con numeri e dati di fatto.
Il club presieduto da De Laurentiis è ormai costantemente in Europa, in Italia lotta sempre per i primi tre posti ed è ormai abituato a competere sui tre fronti, senza mai rivoluzionare ogni anno la rosa, come magari sono abituati a fare altri club italiani. Prendiamo atto di queste verità oggettive e poi cerchiamo di ‘capire’ del perchè il mercato del Napoli sembrerebbe andare a rilento.

Ad oggi il Napoli ha preso il solo Tonelli. La Roma ha invece venduto Pjanic, l’Inter ha solo acquistato parametri zero come Banega ed Erkin, il Milan ha acquistato Lapadula (attaccante a lungo inseguito dagli azzurri), mentre per la Fiorentina ancora zero acquisti. Questo, restando in tema delle dirette rivali del Napoli. E la Juventus? La Juve resta lontana indubbiamente per mille motivi, ma vediamo che gli acquisti (Pjanic appunto e Dani Alves, ma cedendo Morata) sono tutti via clausole o a parametro zero. Questo accade perchè nelle stagioni delle grandi competizioni internazionali (leggasi Copa America o Europei), il mercato va a rilento giacchè lì sono impegnati i migliori giocatori, chi vende aspetta di vedere se il valore salirà, mentre chi deve comprare dà un’ultima valutazione ai propri obiettivi contro avversari di spessore. E questo accade un po’ in tutta Europa, per tutti i club.
In definitiva, è difficile per tutti fare mercato in questo periodo, che di fatto sta iniziando solo adesso un po’ in tutta Europa con la Copa America che è terminata da una settimana e gli Europei che si avviano ormai alla conclusione.
Nella fattispecie, per gli azzurri ci sarà da monitorare e risolvere la situazione relativa ad Higuain, per il quale eventualmente bisognerà pensare a prendere un sostituto in caso di cessione ed eventualmente anche con quei soldi operare per rinforzare gli altri settori. Lamentarsi oggi dell’operato del Napoli significa non tenere d’occhio la situazione generale di tutta Europa in periodi del genere.

Commenti