Euro 2016, l’Uefa dice no ai festeggiamenti in campo con i figli

Niente festeggiamenti in campo a fine partita con i figli: è la richiesta avanzata dall’Uefa alle squadre semifinaliste di Euro 2016. Le prime a scendere in campo, domani, saranno Galles e Portogallo e difficilmente si potranno rivedere le scene di gioia viste dopo il quarto con il Belgio con i figli dei giocatori del Galles festeggiare in campo con i loro papà: “È un campionato europeo non una festa di famiglia” le parole del direttore di Euro 2016 Martin Kallen che ha sottolineato come lo stadio “non è il posto più sicuro per i bambini se i fan hanno invaso il campo. È una bella foto ma ci vuole prudenza”.

corrieredellosport

Commenti

Questo articolo è stato letto 735 volte