Gianfranco Lucariello: “Quest’anno il Napoli sta giocando con un 4-3-2-1, con gli esterni più vicini alla prima punta”

GIANFRANCO LUCARIELLO, giornalista: “La Champions League è una manifestazione di grande prestigio. Il Napoli è già conosciuto in Europa anche grazie, e soprattutto, a Maradona. Andrà in campo una squadra concentrata. C’è grande tensione da parte mia e curiosità di capire come andrà a finire. Più che l’avversario temo l’ambiente ucraino. Per fortuna il Napoli è composto da diversi calciatori esperti, come Reina. Jorginho è il fulcro ed il creatore del gioco, di sicuro ci sarà una marcatura speciale per lui. A Palermo è stato lui, nella ripresa, a dar maggior velocità alla manovra. Sarri non predilige il lancio lungo, ma lo accetta se conviene, se finalizzato a costruire un’azione da gol. La rosa del Napoli è stata potenziata sotto l’aspetto numerico e della qualità. Uno dei tre nuovi centrocampisti avrà possibilità di giocarsi un posto da titolare, come Zielinski. Il polacco sembrava il primo Hamsik azzurro con maggiore velocità. Questa sera mi aspetto la presenza di Milik dal primo minuto. Gabbiadini? Sarri ne ha parlato molto bene in conferenza stampa, ma credo andrà in panchina. Voglio farvi notare che quest’anno il Napoli sta giocando con un 4-3-2-1 con gli esterni più vicini alla prima punta. Maggio è un atleta serio, una persona perbene. Gli fa onore la bella prestazione di Palermo. Lo scorso anno è stato un signore della panchina, probabilmente quest’anno avrà più spazio”.

Fonte: Radio Punto Zero

Commenti

Questo articolo è stato letto 608 volte