De Laurentiis a Sarri: “Non cerchiamo alibi, abbiamo speso 128 milioni e le decisioni arbitrali vanno rispettate”

La risposta di Aurelio De Laurentiis è arrivata, ma non esattamente con i contenuti che s’aspettava Maurizio Sarri, dopo aver invocato l’intervento della sua società per i due rigori negati al Napoli nella partita contro il Genoa. Il presidente, infatti, ha scelto molto più diplomaticamente di non alimentare la polemica: appoggiando dunque soltanto in parte la protesta dell’allenatore. “Ho visto dalla Cina Genoa-Napoli, una partita bellissima tra due squadre che si sono affrontate a viso aperto – ha scritto il numero uno azzurro in un comunicato- Ci sono state alcune decisioni arbitrali sfavorevoli, ma le decisioni degli arbitri, nel bene e nel male, vanno rispettate. Sono le regole del nostro calcio e se partecipiamo a questa competizione non dobbiamo cercare nessun tipo di alibi“. Nessun protesta ufficiale, insomma. De Laurentiis non si farà sentire con il Palazzo e ha mandato piuttosto un altro messaggio a Sarri, invitandolo a essere più ambizioso e coraggioso. “Anche se siamo il quinto fatturato della serie A, abbiamo investito 128 milioni nel mercato quest’anno, per poter dare ai napoletani e all’allenatore una squadra competitiva, e da quello che è emerso finora mi sembra che il Napoli sia molto competitivo“. Anche in questo caso, però, nessun attacco frontale alla panchina. Il finale del comunicato è infatti al miele. “Non mi resta che fare i complimenti alla squadra e all’allenatore per la partita di ieri. Forza Napoli Sempre!”. Dietro l’angolo c’è già l’anticipo di sabato sera al San Paolo contro il Chievo, gli azzurri sono obbligati subito a voltare pagina.

fonte -repubblica.it

Commenti

Questo articolo è stato letto 810 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!