Napoli spuntato, Dzeko candida la Roma al ruolo di anti-Juve

Napoli spuntato, Dzeko candida la Roma al ruolo di anti-JuveIl gol di Edin Dzeko che ha aperto le marcature (reuters) NAPOLI – La differenza in campo l’ha fatta soprattutto la doppietta di Edin Dzeko, che ha stravinto il duello a distanza tra attaccanti con Manolo Gabbiadini e ha spianato la strada al meritato successo in trasferta della Roma (3-1), nello scontro diretto con il Napoli per il secondo posto in classifica. Gli azzurri non perdevano al San Paolo da un anno e mezzo ed erano imbattuti in casa durante la gestione di Maurizio Sarri, ma hanno pagato a caro prezzo i lori errori difensivi (di Koulibaly e Hysaj) e soprattutto l’assenza dell’infortunato Milik. Senza il polacco, infatti, la squadra ha perso quasi del tutto la sua pericolosità in fase offensiva e si è spenta con il passare dei minuti: complice una inspiegabile stanchezza, con i crampi che hanno colpito Maksimovic, Hamsik e Insigne, a cui nemmeno la sosta per le Nazionali ha restituito le energie. La Roma si è invece presentata al San Paolo in condizioni smaglianti, a dispetto delle gravi assenze di Bruno Peres e Strootman. Spalletti è stato molto bravo a non farne sentire la mancanza e ha vinto con facilità la partita a scacchi tra le due panchine: grazie a un doppio cambio di modulo a gara in corso. La difesa a tre ha infatti mandato in tilt l’attacco del Napoli, mentre il 4-2-3-1 ha reso ancora più efficaci i contrattacchi dei giallorossi, che hanno colpito per due volte con Dzeko nel finale del primo tempo e in avvio di ripresa. Sarri non è stato al contrario in grado di trovare un piano B, dopo aver perso Milik e aver dato inutilmente fiducia allo spento Gabbiadini, che ha fallito l’esame da centravanti titolare: dieci palloni toccati in quasi un’ora di gara. Gli azzurri sono stati più pericolosi dopo la sua uscita dal campo, tra i fischi. Nemmeno l’esperimento di Mertens nel ruolo di falso nueve ha dato tuttavia i frutti sperati. Male tutte le punte. Il gol della bandiera è stato segnato da Koulibaly.
 
Il Napoli è uscito lo stesso tra gli applausi del San Paolo, che ha dato una lezione di fair play. Ma De Laurentiis e Sarri dovranno riflettere ora sulla necessità di ritornare sul mercato, alla ricerca di un attaccante svincolato: alla Klose. Milik resterà infatti in infermeria almeno fino all’inizio di febbraio. Spalletti può invece sorridere per il sorpasso in classifica e la solidità ritrovata. La Roma continua a crescere, candidandosi al ruolo di anti Juve.      calcio

serie A
as roma
ssc napoli
Protagonisti:

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 347 volte