Per gli azzurri sta per ricominciare un nuovo tour de force in cui si giocano tutto

A partire da sabato, contro l’ Udinese, in Friuli,  per finire alla trasferta al Franchi contro la Fiorentina, del 22 dicembre prossimo, il Napoli dovrà disputare ben  otto gare in trentatré giorni. Si tratta di un nuovo tour de force nel quale gli azzurri si giocano la stagione. Un mese estremamente caldo nonostante siamo a novembre in  cui la formazione di Sarri è chiamata ad una reazione d’orgoglio che possa far risalire la china e soprattutto la classifica. Sei partite di campionato e due, fondamentali,  di Champions League costituiranno il banco di prova del Napoli che potrà dirci fino a dove, questa squadra,  orfana di Milik, potrà  arrivare.

In primo luogo c’ è da guadagnare l’ accesso agli ottavi di finale della Champions League, messo in discussione dall’inopinata battuta d’arresto casalinga subita ad opera del Besiktas. Insomma otto gare, equamente divise tra casa e trasferte che richiedono la massima concentrazione ed il massimo impegno da parte di tutti. Un mese in cui non ci sarà un attimo di respiro, ed in cui non ci sarà tempo per recuperare e perdere altri punti per strada. Sarri ed i suoi ragazzi dovranno stringere i denti, in attesa del mercato di gennaio da cui si auspica arrivi un attaccante che rinforzi il reparto offensivo, mai come in questo momento,  a corto di uomini.

Commenti