Gli interventi di Xavier Jacobelli, Massimo Mauro, Pierluigi Pardo, Antonello Perillo, Sabatino Durante, Stefano Salandin, Vincenzo Cavaliere e Dario Donato a Radio Crc

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Xavier Jacobelli, direttore

“Mi fido di Sarri perchè nessuno meglio del tecnico che ha il polso dello spogliatoio conosce il momento di ogni singolo calciatore della rosa e soprattutto dopo una sosta legata agli impegni dei nazionali diviene decisiva la scelta degli undici da mandare in campo.

Ho visto il Napoli in ripresa nelle ultime partite prima della sosta nonostante non siano arrivate le vittorie, poi è chiaro che in attacco i problemi non sono stati ancora risolti. Mertens e Callejon hanno offerto un rendimento all’altezza della situazione, ma adesso è inutile fare previsioni a lungo termine, la prossima partita dice che il Napoli affronterà l’Udinese che con Delneri non è più quella squadra balbettante di prima.

Non condivido le critiche pessimiste di chi dice che il campionato è ormai andato per il Napoli. La qualificazione in Champions League, tra l’altro, sarebbe già un obiettivo importante. Si tratta di stringere i denti”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Massimo Mauro, ex calciatore

“Mi sembra giusto l’atteggiamento di Sarri perché manca il bomber, ma sopperisce a questa mancanza con il gioco. De Laurentiis va ringraziato per quello che ha fatto a Napoli, ma quando c’ero io i grandi giocatori arrivavano, adesso, invece, vanno via. Con 90 milioni a disposizione forse si doveva puntare a qualcosa in più in attacco perché Gabbiadini non è scarso, ma non ha dimostrato di essere un centravanti affidabile.

Callejon, Insigne e Hamsik dovrebbero spingere maggiormente perché ad esempio nel mio Napoli quando mancavano Maradona o Careca, noi ci assumemmo delle responsabilità incredibili. Hamsik credo abbia le caratteristiche per fare il centravanti e fossi un allenatore non mi priverei mai di lui perché è duttile e lo trovi ovunque”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Pierluigi Pardo, giornalista

“Il Napoli è stato sfortunato per ciò che riguarda gli infortuni, ma non per il resto. Sicuramente si poteva vincere con la Lazio, ma al di là del possesso palla, il Napoli fatica ad attaccare nell’area avversaria. Gabbiadini è un caso di scuola per cui bisogna ripartire, ma dipende soprattutto dal Napoli. La Champions diventa l’obiettivo fondamentale perché non credo che si possa vincere lo scudetto.

Giaccherini potrebbe essere preziosissimo se Sarri avesse una logica di rotazione diversa rispetti a quella che ha. A volte l’abbondanza non dico che è un problema, ma se guardo per esempio alla passata stagione c’era una sproporzione tra Insigne e Mertens e questo dimostra che Sarri fa abbastanza fatica a fare turnover, salvo poi trovarsi di fronte a delle evidenze che cambiano addirittura le gerarchie e mi riferisco a Maksimovic o Diawara”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Antonello Perillo, giornalista

“Sono curioso di veder giocare Rog e come me lo sono molti napoletani. Si dice un gran bene di lui, ma credo che questo possa essere il momento di Giaccherini. Credo e spero che il Napoli sia pronto per la partita di Champions in cui ci si gioca tantissimo. Solo Sarri può sapere chi è in forma e chi non lo è”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Sabatino Durante, operatore di mercato

“I giocatori stranieri hanno bisogno di almeno tre mesi di adattamento per cui pensare di prendere oggi un calciatore dal sud America è complicato per il Napoli. Gabbiadini è un ottimo giocatore con un sinistro importante, ma nel ruolo di centravanti non rende, dovrebbe accettare lo stesso calciatore l’idea di interpretare quel ruolo.

Recuperare mentalmente Zaza dopo l’esperienza al West Ham non sarà facile mentre Pavoletti è un ottimo giocatore, ma il Napoli con lui dovrebbe cambiare modo di giocare per esaltarne le caratteristiche. Il calciatore che secondo me invece potrebbe essere inserito con tranquillità è Zapata”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Stefano Salandin, giornalista

“Il primo obiettivo del Napoli è Pavoletti, su Zaza ci sono suggestioni e complicazioni contrattuali e poi ha un ingaggio superiore rispetto a quello dei parametri del club. Su Pavoletti, da quel che so, si sta facendo un grande lavoro per convincerlo e sono convinto che se non ci fosse la Champions, Sarri potrebbe arrivare non dico allo scudetto, ma certamente fino alla penultima giornata nelle posizioni di vetta della classifica.

Il Genoa per esigenza di bilancio può fare l’operazione Pavoletti al Napoli mentre l’Udinese queste operazioni a gennaio generalmente non le fa. Sarri sta faticando a gestire il doppio confronto”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Vincenzo Cavaliere, procuratore sportivo

“Rog è un grande giocatore, ma il centrocampo del Napoli è ben assorbito e Rog è l’ultimo arrivato ed ha bisogno di tempo. Certo, qui in Croazia un po’ di amarezza per non averlo ancora visto c’è e sono anche abbastanza sorpreso di questa scelta perché credo che bisognerebbe provare questo ragazzo. Sarri deve trovare uno spazio da dedicargli anche perché se Rog non gioca, non è possibile valutarlo”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Dario Donato, giornalista

“Giaccherini è stato un ottimo affare per il Napoli che lo ha comprato davvero a poco prezzo ed è un calciatore affidabile per cui dovrebbe giocare di più. Nel calcio una componente di rischio deve pure esserci e sono curioso di vedere Rog ed è un paradosso che gioca in Nazionale, ma non è pronto ancora per il Napoli.

Vincere a Udine è fondamentale per il Napoli per rilanciarsi in campionato e recuperare fiducia. Non è colpa di Sarri se non arrivano i risultati e Udine non evoca bei ricordi ai napoletani. Sono curioso di capire come reagirà Zapata che è stato accostato proprio al Napoli”.

Il presenti comunicati sono stati inviat da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto dello stesso

Commenti