Catania, Lo Monaco: “Lodi? Abbiamo altre priorità”

Pietro Lo Monaco, amministratore delegato del Catania (Getty)

Il Catania di Pino Rigoli deve rialzare subito la testa dopo la sconfitta subita nell’ultimo turno in casa della Virtus Francavilla. I rossazzurri torneranno in campo domenica, ad attenderli c’è la partita in casa contro la Vibonese. Due sconfitte in campionato, l’ultima arrivata in un momento determinante per il futuro: il Catania, infatti, era chiamato a confermarsi per dare continuità risultati e dimostrare così di aver trovato un equilibrio. Ancora una volta, invece, i siciliani hanno perso punti contro una delle squadre cosiddette piccole (neopromosse e ripescate) e come già avevano fatto contro Reggina, Melfi, Taranto e Fondi. Per cancellare l’ultima prestazione deludente, Rigoli dovrà lavorare soprattutto sulla cattiveria del gruppo, con l’obiettivo di portare a casa i tre punti anche contro una formazione che, sulla carta, parte sfavorita.

Del momento del gruppo e dei programmi della società ha parlato in conferenza stampa l’amministrato delegato del club, Pietro Lo Monaco, in occasione della presentazione di una nuova partnership: “La Virtus Francavilla ci ha mangiato – ha detto – la sconfitta è stata atroce e dobbiamo far sì che ci serva da lezione. La responsabilità è nostra, nonostante qualche assenza di troppo. Stavamo crescendo e dobbiamo prenderci le nostre responsabilità. Siamo caduti e adesso dobbiamo rialzarci, i primi ad aver perso siamo stati noi della società perché in settimana non l’abbiamo curata nel modo migliore possibile. E anche se il campo era ai limiti della praticabilità noi dovevamo essere più pronti. Ci voleva più determinazione, non possiamo permetterci certi scivoloni”.

“L’approccio alla gara è basilare in questa categoria che è molto complicata; si sa che la Lega Pro nasconde mille insidie. Abbiamo un organico di buon livello e ce la possiamo fare, ma serve crescere. Siamo pronti a riparte, di nuovo, l’obiettivo è quello di raggiungere i play-off”. Lo Monaco ha poi anche parlato di un possibile ritorno a Catania di Francesco Lodi: “Se tutti i calciatori che sono stati qui vogliono tornare vuol dire che abbiamo seminato bene. E’ certamente un nome che affascina, ma lui può ancora giocare in Serie A o in Serie B, scendere di categoria sarebbe azzardato anche perché in quel ruolo siamo anche coperti. Sul mercato al momento abbiamo altre priorità: dobbiamo sfoltire la rosa, ci sono tanti giocatori che meritano di giocare titolari in altre squadre”.  

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 90 volte