Gli interventi di Paolo Pacchioni, Ciro Venerato, Pierluigi Pardo e Giuseppe Sannino a Radio Crc

Nel corso della trasmissione radiofonica “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma in onda sulle frequenza di Radio CRC è intervenuto Paolo Pacchioni:
“Bisogna dare continuità a quanto fatto di buono contro l’Inter ed il Benfica: sembra esser passato il momento negativo, ora bisogna dare continuità. Sarri fa bene a pensare già al Cagliari, la squadra sarda non pretende molto avendo un posizionamento tranquillo in classifica, anche se in casa rende molto bene: la differenza lo farà l’atteggiamento del Napoli. Turn-over? Non bisogna stravolgere tutto, bisogna saper dosare le energie. Il Napoli ha un’identità precisa e non va toccata, è opportuno non stravolgere il tutto: mancando tre partite alla sosta di Natale bisogna dosare le energie. Il Napoli non deve lasciare punti per strada, deve credere allo scudetto: la Juventus è una squadra forte, ma ha dato prova che non è invincibile. Champions? Mi auguro che il Napoli possa affrontare un avversario difficile perché la squadra di Sarri si esalta con le squadre blasonate: non è un sorteggio facile quello che ci sarà lunedì alle 12:00 a Nyon. Psg? Adesso sta vivendo una piccola crisi e potrebbe esser un avversario da augurarsi, garantirebbe il giusto stimolo, è una grande squadra, ma non imbattibile.”

Nel corso della trasmissione radiofonica “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma in onda sulle frequenza di Radio CRC è intervenuto Ciro Venerato:
“Pavoletti-Napoli, Giuntoli ha chiesto all’entourage di posticipare il summit perchè aspetta di vedere in campo Pavoletti  e conta di farlo prima della sosta natalizia. Dopo averlo visto in campo si tornerà a trattare con il calciatore e si cercherà di trovare un accordo economico. Il calciatore guadagna 1.350 milioni di euro più bonus. Il calciatore punta a 2.4 milioni senza bonus, mentre il Napoli vorrebbe garantirgli dagli 1.4 ai 2 milioni di euro più bonus per arrivare alla cifra complessiva da lui richiesta, ossia appunto di 2.4 milioni. Il Milan resta in agguato perché la dirigenza rossonera potrebbe puntare su Pavoletti per volere di Galliani, ma c’è anche un altro scenario perché il Milan cinese, che subentrerà l’8 marzo, vorrebbe portare Gabbiadini in rossonero. Mi giunge voce che però Gabbiadini fino al 20 gennaio non si muoverà da Napoli perché si attende di capire le condizioni fisiche di Milik e solo in quel momento la società sportiva calcio Napoli potrebbe dar via libera alla cessione di Manolo. Penso che Milik non possa tornare arruolabile prima di marzo ed ho la netta sensazione che possa restare in azzurro Gabbiadini e l’altro attaccante che, ribadisco, possa esser Pavoletti. Zaza? Non ci sono grandi spiragli. Kalinic e Muriel da scartare come ipotesi, cifre blu. Qualora sfumassero tutte queste ipotesi il Napoli pensa a Destro e a Nestorovski.”
Nel corso della trasmissione radiofonica “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma in onda sulle frequenza di Radio CRC è intervenuto Pierluigi Pardo:

“Forse era meglio accomodarsi come seconda. Il Napoli può esser la cenerentola della competizione europea, può far bene. Nelle grandi partite dimostra sempre di potersela giocare, ha il dna europeo e bisognerà fare due grandi gare. La Champions è una competizione strana: il Napoli deve trovare due grandi notti e continuare a sognare. Higuain? Non l’ho visto bene dal punto di vista della prestazione, non è il miglior Pipita, ma può sempre far male. Ho la sensazione che abbia qualche chiletto in più, non ha una fisicità e reattività al top. Gabbiadini? Penso che bisognerà insistere, credo che utilizzarlo di più gli farà bene e farà bene anche al gruppo che ha bisogno di un punto di riferimento.”

Nel corso della trasmissione radiofonica “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma in onda sulle frequenza di Radio CRC è intervenuto Giuseppe Sannino:

“Bisogna fare i complimenti a Sarri e alla squadra: non bisogna fare calcoli, può giocarsela con tutti. Offre uno spettacolo unico ed in Europa può dire la sua: Sarri sta facendo grandi cose ed è giusto continuare. Quando ci sono due sfide importanti come quelle da vivere in Champions il Napoli si esalta, bisogna aspettare lunedì ed il pubblico deve accompagnare la squadra. Anche quando manca un giocatore come Higuain, come Milik, Sarri ha saputo portare il gioco al centro del progetto. Higuain? Lo scorso anno era più sorridente, era al centro del progetto. Quest’anno invece, con la Juve non sta vivendo un grande momento. Quando al centro del progetto c’è il gioco, può giocare chiunque.”

I presenti comunicati sono stati inviati da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto degli stessi

Commenti