IL DOMANDONE – Anno 2016, chi getti dalla torre e chi salvi del Napoli?

Vincenzo LETIZIA (PianetAzzurro) – Dalla torre getto senz’altro il presidente A. De Laurentiis che lo scorso gennaio con due acquisti giusti avrebbe potuto regalare un sogno ai tifosi azzurri. Invece, si è accontentato dell’ennesimo scudetto del bilancio.

Salvo Sarri, il miglior tecnico del campionato italiano che nonostante l’assenza del centravanti sta facendo produrre alla propria squadra un gioco per nulla inferiore a quello del Barca.

W Sarri e speriamo che il tecnico toscano-partenopeo mantenga la pazienza necessaria per lavorare a Napoli e nel Napoli!

Roberto BECCANTINI (La Stampa) – In un 2016 straordinario per il Napoli, visti il secondo posto in campionato, il record di gol di Gonzalo Higuain e la qualificazione agli ottavi di Champions League come primo del girone, scelgo quali simboli da far salire sulla torre, in nome e per conto della società e della squadra, Aurelio De Laurentiis, Maurizio Sarri, Marek Hamsik e Gonzalo Higuain e, naturalmente, non butto nessuno.

Mimmo Malfitano (Gazzetta dello Sport) – De Laurentiis, perché non è stato in grando di trattenere Higuain: con lui, quest’anno, avremmo vinto lo scudetto con 10 punti di vantaggio.

Salvo la squadra, perché procede nel segno della continuità. Gli ottavi di Champions League sono un traguardo di grande prestigio.

Antonio SASSO (Il Roma) – Senz ‘altro Gabbiadini giù dalla torre. Una delusione sin da quando è stato acquistato. Ha avuto tante possibilità, anche quando c’era Higuaìn, per mostrare le sue qualità ma non mi ha mai convinto. Aggiungo che il Napoli con lui in campo gioca in… dieci.

Salvo mister Sarri per la sua metodica caparbietà nell’imporre i suoi schemi di gioco. Chi lo critica non è certamente amante del bello calcio.

Umberto CHIARIELLO (Canale 21) – Getto Higuain e Gabbiadini, salvo Sarri.

Paolo DEL GENIO (Radio Kiss Kiss Napoli) – Salvo Sarri, getto dalla torre Gabbiadini.

Gianluca MONTI (Gazzetta dello Sport) – Salvo Sarri, vero top player azzurro.

Getto dalla torre Chiavelli, amministratore delegato assente a Castel Volturno ma presente, in modo eccessivo, sul mercato.

Lucio PENGUE (Radio Kiss Kiss Napoli) – Troppo facile dire che butterei dalla torre Gonzalo Higuain. Il suo record di gol, la qualificazione in Champions ottenuta grazie alla sua classe sono stati cancellati dalla bruta modalità del suo addio. Gonzalo ha sbagliato, non so neanche se ha compreso quanto ha ferito un popolo. I modi nella vita sono tutto, non puoi essere un campione in campo e fuori dal rettangolo verde te ne puoi fregare di tutto e di tutti. Invece salvo e tengo nella torre Maurizio Sarri che sarà anche scorbutico, non indosserà l’abito buono, sarà anche non particolarmente portato per le public relations, ma ha sfiorato lo scudetto ed ha portato il Napoli agli ottavi di finale di Champions League.

Rosario PASTORE (Gazzetta dello Sport) – Posso gettare dalla torre il presidente, magari mano nella mano con Gabbiadini? Da salvare, anche qui due personaggi: Callejon, sempre presente, fonte inesauribile di energia intelligente e Mertens, che oso definire un fuoriclasse, uno che unisce tecnica e intelligenza messe a servizio della squadra.

Michele SIBILLA ( Radio Punto Zero) – Fin troppo facile e forse, anche semplice e un po’ banale dire Gonzalo Higuain. Il Pipita va giù dalla torre però, non tanto per la destinazione scelta e le personali, sacrosante aspirazioni, ma per i modi utilizzati per andare (scappare) via e, soprattutto per aver tradito la passione e la fiducia di un popolo.

Sicuramente salvo Maurizio Sarri che, nonostante qualche errore dovuto, forse, anche all’inesperienza, ha dalla sua un bilancio in solido, pardon, consolidato attivo ed ora che comincia a far quadrare i conti anche con la “meglio gioventù” arrivata quest’estate, può addirittura migliorare la performance.

Ferruccio FIORITO (Canale 21) – Mi è stato chiesto chi vorrei gettare dalla Torre e chi invece salverei. Intanto mi piacerebbe buttare qualcuno dall’albero di Natale realizzato sul lungomare…se proprio non si può abbattere direttamente l’albero. Salvo la mentalità e la passione di un gruppo di ragazzi che non si sono mai fermati davanti alle tante avversità. Hanno saputo sopperire alla partenza del giocatore più rappresentativo, rimboccandosi le maniche senza mai cercare alibi. Salvo la tifoseria sempre coerente nel bene e nel male. Da rivedere la società che in attesa di fare il grande salto, sta occasioni importanti e perdendo giocatori eccezionali, senza vincere nulla di veramente importante. Lì occorre un cambio di mentalità, senza però non riconoscerle che oggi il Napoli è tra le prime 16 d’Europa.

Liberato FERRARA (Cronache di Napoli) – Salvo l’allenatore ed i giocatori, che hanno fatto un 2016 nell’insieme al di sopra delle attese. Dalla torre chi ha deciso lo scorso gennaio, con la squadra in testa alla classifica di non “cambiare gli obiettivi stagionali”… Poteva essere un anno straordinario c’è solo il bilancio economico, e non quello tecnico.

Angelo POMPAMEO (Julie Italia) – Dalla torre getto Gonzalo Higuain. Non sa ancora che si e’ perso…

Dalla torre salvo tutti quelli che amano il Napoli al di la del risultato conseguito la domenica…

Massimo SPARNELLI (TLA) – Dalla Torre  getto Higuain. Salvo De Laurentis!

Dario DE SIMONE (Radio Traffic) – Andiamo sul difficile.

Dunque nell’anno solare salvo tutti perché sono stati raggiunti grandi traguardi. Ma metto Hamsik in cima a tutti.

Butto giù Higuain e Gabbiadini, il primo per demeriti umani, il secondo per demeriti sportivi.

Antonello GALLO (Telecapri) – Bella domanda…sicuramente salvo mister Sarri, che ha dato una dimensione nuova, consentendoci soddisfazioni che mancavano da troppo. Su alcuni altri protagonisti resto indeciso però salverei Adl solo per non aver (ancora?) ceduto ai cinesi. Getterei invece i curatori della gestione mercato, perché non si può crescere con l’approssimazione o i colpi di fortuna, così come non si può perdere tempo eccessivo alla ricerca di chimere. Le grandi società pure fanno errori, ma non in questo modo.

Nello ODIERNA (Capri Event) – Dalla torre i giornalisti che cambiano opinione perché pilotati. Salvo Maurizio Sarri.

Commenti
avatar

Vincenzo Letizia

Giornalista sportivo, nasce a Napoli il 16/02/1972. Tante le esperienze professionali: collaboratore dei quotidiani “IL TEMPO”, “NAPOLI NORD”, “LA VERITA'”, “DOSSIER MAGAZINE”, “CRONACHE DI NAPOLI”, dei mensili “L’OASI” e “IL VOMERESE”. Corrispondente da Napoli del quotidiano “IL GOLFO”, redattore del periodico “CORRIERE DEL PALLONE”, direttore editoriale del settimanale di scommesse sportive 'PianetAzzurro FreeBet'. Responsabile dei servizi sportivi del “CORRIERE DI CASERTA”. Tra i collaboratori del ‘laboratorio di giornalismo e di comunicazione’ diretto da Michele Plastino. Inviato della trasmissione radiofonica “ZONA MISTA” in onda su CRC targato Italia. Più volte ospite alle trasmissioni televisive “Campania Sport” e “PANE E PALLONE” in onda su Canale 21, “ULTRAZOOM” in onda su TCS, “TRIBUNA Sport” in onda su Televomero, “Sotto Rete” in onda su TLA. Ideatore ed opinionista della trasmissione WEB/RADIO 'MONDO CALCIO' andata in onda sulla Tele5 Napoli tutti i lunedì alle 18,00 e i venerdì alle 21,30. Ha curato ogni sabato pomeriggio, intorno alle ore 16,30, la rubrica radiofonica su 'RADIO PUNTO ZERO' (FM 102.00) 'LA BOLLETTA' all'interno del seguitissimo programma 'Zero Magazine' in onda dalle 16:00 alle 19:00 (su www.rpz.it in Live Streaming). Ideatore e conduttore del programma TV 'CALCIOMERCATO & SCOMMESSE MONDIALI' andato in onda su Area Blu TV durante il Mondiale sudafricano. Opinionista fisso del programma TV 'AREA AZZURRI' in onda tutti i martedì alle ore 21 sul digitale terrestre 'AREA BLU TV'. Ospite fisso della trasmissione "SORRISI E PALLONI" in onda su Radio Punto Nuovo e su Capri Event TV. Opinionista della trasmissione televisiva "NAPOLI CALCIO LIFE" in onda su Capri Event TV e TeleCapri Sport. Autore e produttore della trasmissione televisiva "PIANETAZZURRO TV" in onda su RTN. ATTUALMENTE: presidente dell'associazione giornalistica AGiCaV; direttore editoriale del periodico cartaceo “PIANETAZZURRO” ; direttore generale dell'omonimo portale sportivo www.pianetazzurro.it , del sito di cronaca e intrattenimento www.campaniaveritas.it e della guida gastronomica www.golosando.eu