Senaldi (direttore di libero): “Il titolo di Libero è una presa di distanza”

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Pietro Senaldi, direttore di Libero : “La prima pagina di Libero è mia. Il discorso delle copie è stato fatto anche quando scrivemmo “patata bollente” ed è un discorso molto facile da fare. E’ chiaro, i giornali provano a vendere copie, ma non credo che questo titolo ci porti molte copie. La ratio giornalistica è che noi siamo un giornale polemico e battagliero e abbiamo messo insieme una serie di notizie che arrivavano ieri da Napoli e quindi dell’ospedale, dei precari, la polemica di Juve-Napoli e abbiamo pensato che queste cose non ci piacciono, non crediamo che faccia bene al Paese e le abbiamo unite dicendo che non è questo il Paese che vogliamo. Non voliamo tenere Napoli fuori dal Paese, non ci piace questo Napoli. Le statistiche dicono che a Napoli non c’è grande qualità della vita. 

Quel “Non se ne può più”? Noi abbiamo fatto anche un altro editoriale che presenta il referendum in cui che richiedono maggiore autonomia fiscale ed è semplicemente questo. Il Paese è il crisi e spiace dover rinunciare a risorse che servirebbero ad uscire dalla crisi perché i soldi finiscono pagando infermieri assenteisti. L’Italia non è tutta uguale, Milano non è uguale a Roma, non è come Napoli o Palermo. Forse il discorso del referendum con maggiore autonomia fiscale aiuterebbe chiunque a responsabilizzarsi e fare i conti con le proprie necessità e i propri problemi. 

Per spiegare meglio il mio titolo, è certamente una presa di distanza, ma con quel non se ne può più, chiediamo che si faccia qualcosa. Manco da qualche anno a Napoli, ma ho qualche redattore napoletano  per cui ho un po’ il polso della situazione”. 

notizia pervenutaci tramite la redazione di radio crc e di cui non ci si assumono responsabilità

Commenti

Questo articolo è stato letto 1161 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!