Anteprima partita

Turno di campionato, sulla carta favorevole, al Napoli, quello che si giocherà in questo fine settimana. Gli azzurri di scena,  nell’anticipo dell’ora di pranzo di domenica 19 marzo, al Castellani contro l’Empoli, quartultimo in classifica. Senza dubbio la prima grossa differenza tra Napoli e Empoli è dal punto di vista tecnico. Netto il divario dei valori in campo.  La squadra di Sarri è ben assortita, sia a centrocampo che in attacco, e se gioca come sa è davvero difficile fermarla. L’orribile prestazione degli azzurri di Martusciello ha messo a nudo tutte le pecche di una squadra in completa caduta libera. I toscani sono  già a cinque sconfitte consecutive , il che  sta portando sicuramente delle ripercussioni sul morale del gruppo. Dunque sulla carta non ci sarebbe partita, il Napoli, però come già avvenuto contro il Palermo potrebbe sottovalutare eccessivamente l’impegno e pagarne le conseguenze. Le statistiche dicono che Empoli e Napoli, in passato, si sono affrontati, in terra toscana, in dieci occasioni, sei in serie A e quattro in serie B. La formazione partenopea non ha mai espugnato il Carlo Castellani, infatti ha rimediato soltanto quattro pari e ben sei sconfitte; neanche il Napoli di Maradona riuscì nell’impresa, per cui un eventuale blitz di Mertens e soci sarebbe il primo della storia del club azzurro. Per quanto riguarda la formazione, Sarri, dovrebbe optare per tre cambi rispetto al match di domenica scorsa. Ovvero in difesa rientreranno Albiol e Ghoulam, a centrocampo ballottaggio tra Rog e Zielinsky, con Jorginho ed Hamsik, mentre in attacco partirà nuovamente il belga Mertens. Dall’altra parte ci sarà il marocchino El Kaddouri, col dente avvelenato, il quale cercherà di dare un dispiacere alla sua vecchia squadra ed al suo ex allenatore che non lo ha mai avuto in grande considerazione.

Commenti