Napoli, c’è l’accordo: Mertens rinnova fino al 2020

NAPOLI – Il Napoli accelera sul fronte rinnovi. E dopo Lorenzo Insigne, tocca pure a Dries Mertens. Aurelio De Laurentiis è a Roma con i rappresentanti dell’attaccante belga per definire il nuovo contratto del capocannoniere azzurro. L’accordo di fatto è stato trovato: prolungamento di tre anni fino al 2020 con ingaggio di 4 milioni di euro. E’ stato raggiunta pure l’intesa sulla clausola rescissoria: sarà valida soltanto per l’estero a partire dall’estate 2018 e avrà un valore di  circa 30 milioni di euro. De Laurentiis, dunque, era stato di parola la scorsa settimana. “Aspetto i suoi agenti per definire la questione”. La schiarita è stata netta e così Mertens prolungherà la sua esperienza in maglia azzurra per la soddisfazione di Maurizio Sarri che l’ha sempre considerato fondamentale nel suo progetto. 

E ORA TOCCA A GHOULAM – Il Napoli dovrebbe trattenere pure l’esterno franco-algerino. “L’anno prossimo proveremo a vincere lo scudetto”, ha detto Ghoulam a radio Kiss Kiss. Una frase che apre ad una probabile conferma. Il suo addio sembrava scontato i mesi scorsi, ma adesso la situazione è cambiata: pure lui potrebbe firmare un rinnovo con clausola rescissoria sulla stessa falsariga di Mertens. “Il secondo posto resta ancora un nostro obiettivo. Proveremo a fare il massimo in queste ultime due partite. Vogliamo essere protagonisti al San Paolo contro la Fiorentina che resta una squadra forte. Non sarà facile, ma noi siamo concentrati. Chiudere il campionato al meglio, tra l’altro, sarebbe importante pure per il prossimo: cominciamo a gettare le basi per una grande cavalcata. Sarebbe qualcosa di incredibile regalare lo scudetto ad una città che vive di calcio”.

VERSO LA FIORENTINA – Sarri, intanto, sta pensando soltanto alla gara con i viola. Pochi i dubbi di formazione: il tecnico potrebbe confermare lo stesso undici che ha liquidato il Torino con un perentorio 5-0. Buona la risposta dei tifosi: saranno circa in 45mila sugli spalti.
 

ssc napoli

serie A
Protagonisti:
dries mertens

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 259 volte