CHAMPIONS:SI PROSPETTA UN GIRONE DI FERRO!

Si aspettano i sorteggi oggi pomeriggio e si prospetta un   girone di ferro. Il  Nizza, decisamente sopravvalutato da molti giornalisti ed addetti ai lavori ulteriormente smantellato da un massiccio mercato in uscita, la qualificazione degli azzurri è stata abbastanza facile sia nella partita di andata che di rtorno: eppure, per il team di Sarri e per le italiane in generale, il preliminare di Champions League era uno spauracchio da mettere i brividi.

Basti pensare che una formazione italiana non accedeva alla massima competizione europea passando dal temutissimo playoff dal 2013, quando il Milan di Allegri eliminò il PSV Eindhoven: l’anno dopo la mazzata toccò proprio ai partenopei, poco cinici e molto sfortunati nel doppio confronto contro l’Athletic Bilbao, ma il bilancio delle squadre nostrane si aggrava se si fanno partire le statistiche dal 2010 ad oggi, con appunto solo i rossoneri e il Napoli come uniche gioie per il calcio tricolore. Il plauso ai campani raddoppia perché per la prima volta in 91 anni di storia saranno in Champions League per due stagioni di fila e, tra l’altro, senza l’intenzione di essere solo delle comparse, come hanno ribadito ieri sera Koulibaly e Insigne ai microfoni del dopopartita dell’Allianz Riviera: guardando al rendimento dei ragazzi di Sarri il messaggio non sembra utopico ma servirà davvero la brillantezza dei giorni d’oro per avere la meglio in un girone che si preannuncia di ferro.


MALEDETTO PALO – L’unica nota stonata della serata è infatti arrivata da Siviglia più o meno intorno al 90′, quando Emre Belozoglu dell’Istanbul Basaksehir ha colpito un palo che ha graziato gli spagnoli, che quindi strappano il posto in seconda fascia al Napoli, relegato alla terza e quindi quasi con la matematica condanna di avere cattive notizie dal sorteggio di domani pomeriggio a Montecarlo. Non depone a favore degli azzurri la riforma voluta dalla UEFA che vuole le vincitrici dei rispettivi campionati tutte nella categoria di lusso, per così dire, e quindi le altre sparse come mine vaganti nei restanti lotti: per intenderci, Barcellona, Atletico Madrid, PSG, Borussia Dortmund o entrambe le formazioni di Manchester saranno in seconda fascia, assieme al miracolato Siviglia e al Porto, con le gare in programma per stasera che non intaccheranno questo elenco. In attesa di sapere la composizione dei vari gironi, la certezza è che anche le cosiddette big vorranno evitare il Napoli, diventato ormai molto di più di un visitatore periodico nell’Europa del calcio che conta.

Carlo Ferrajuolo

Commenti