D’Aversa: “Non guardiamo la classifica”

In vista del match contro l’Ascoli di domani al Tardini (ore 15), Roberto D’Aversa ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del Centro Tecnico di Collecchio: “Domani credo che sarà per noi una prova di maturità contro una squadra che verrà qui per portare a casa il risultato: vogliamo dare continuità. L’Ascoli lotterà per l’arco di tutta la gara, noi dovremo essere pazienti e allo stesso tempo pronti mentalmente ad una partita di sofferenza, anche per noi fare risultato sarà fondamentale per dare continuità dopo il risultato di domenica scorsa”. Sulla formazione, l’allenatore si è espresso così: “Barillà sarà squalificato, Germoni influenzato: non saranno a disposizione. Le scelte definitive le faccio sempre all’ultimo su chi andrà in campo. Ho avuto la possibilità di parlare con il nuovo presidente, mi fa molto piacere sia arrivato: ho totale fiducia, la proprietà italiana è legata alla squadra e alla città e la scelta è stata fatta per il bene del Parma. Ci deve essere consapevolezza nelle nostre qualità, ma non dimentichiamo anche che queste sono venute fuori quando abbiamo giocato con un certo atteggiamento”.

L’importanza relativa della classifica

“Non guardiamo la classifica ora: penso ad esempio alla Pro Vercelli, che era in posizione di bassa classifica, poi ha vinto il derby contro il Novara e ha vinto in casa contro l’Empoli. Il nostro comportamento in campo dipende sempre da come giochiamo e da quale avversario affrontiamo. Chiaro che noi analizziamo la squadra avversaria e cerco di mettere ogni giocatore nel suo ruolo più adatto: Mazzocchi magari è più da fascia, Baraye e Di Gaudio hanno gamba, Insigne gioca più dentro. Analizzando tutte partite dell’Ascoli fino ad ora, quando il risultato è in equilibrio lavora in maniera compatta. Contro il Bari fino a che sono rimasti in undici avevano concesso poco ad esempio. Mi aspetto una partita contro una squadra corta e aggressiva, non sarà semplice” ha concluso D’Aversa.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 281 volte