Gli interventi di Bruno Pizzul, Luigi De Canio e Andrea Dossena a Radio Crc

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Bruno Pizzul, giornalista

“Mi sarebbe piaciuto molto raccontare il Napoli. Raccontare le partite di calcio è sempre un piacere, anche quando non giocano in maniera spettacolare perché nell’attesa del risultato finale può sempre succedere qualcosa ma quando una squadra esprime un calcio spettacolare, raccontarlo è doppiamente piacere ed è il caso del Napoli degli ultimi anni. E’ unanimemente accettato da tutti che il Napoli è la squadra che esprime il calcio più piacevole della serie A e comminare il bel calcio con il risultato è un privilegio di pochi e il Napoli lo sta facendo alla grande. 

Il gol allo Shakhtar di Insigne è un qualcosa di peculiare e particolare. Tutti conoscono il tiro a giro di Insigne, il movimento che fa l’attaccante prima di calciare, ma nessuno riesce a porre rimedio, questo perché il calciatore è dotato di una classe sopraffina. In questo scorcio di campionato Insigne può essere definito il miglior giocatore italiano e non farlo giocare con la Nazionale italiana contro la Svezia è stato disdicevole. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Luigi De Canio, allenatore

“Il Napoli sta giocando bene negli ultimi anni offrendo uno spettacolo piacevole già con Benitez e tornando indietro, lo faceva anche con Mazzarri. Adesso, però, la squadra è cresciuta ed è maturata dal punto di vista psicologico nel gestire le partite ed è più difficile sorprenderla. 

Vincere è sempre importante, tutte le squadre importanti quando giocano, lo fanno per vincere senza fare scelte relative ad una competizione piuttosto che un’altra. 

Il cambio tecnico porta dei benefici, a volte, ma dipende dalle situazioni. Magari la scossa non avviene immediatamente, ma col tempo, ma non conosco la situazione nello spogliatoio dell’Udinese. Ci vuole ben altro per battere il Napoli”.   

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Andrea Dossena, calciatore svincolato

“L’Udinese ha fatto un grave errore: non capire quanto era importante Di Natale e adesso ne stanno pagando l’assenza. Poi, il cambio di allenatore porta sempre delle motivazioni ulteriori, ma difficilmente vedremo qualcosa di nuovo da parte di Oddo contro il Napoli. L’allenatore deve avere il tempo per poter istruire i suoi, ma il Napoli non deve avere paura di nessuno, ma andare in ogni campo e vincere.  

Con Sarri devi conoscere lo spartito e chi gioca lo conosce a memoria mentre chi è in panchina ha bisogno di più tempo per capire ed imparare. Sarri non ha mai sbagliato un colpo, è vero che non utilizza tutta la rosa, ma tutti gli allenatore hanno quegli undici che preferiscono mandare sempre in campo”. 

I presenti comunicati sono stati inviati da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto degli stessi

Commenti

Questo articolo è stato letto 939 volte