Torino, Cairo: “Figc da commissariare? E’ lo sport italiano che va rifondato”

TORINO – Urbano Cairo manda un messaggio al Coni. Il presidente di Torino e di RCS ha detto la sua sulla volontà di Malagò di commissariare la Figc: “Secondo me dobbiamo rifondare un po’ tutto lo sport italiano. Non è che alle Olimpiadi ho visto risultati strepitosi, c’è da mettere mano a tante cose”, ha dichiarato a Radio Anch’io Sport. Parole decise nei confronti del presidente del Coni: “Se c’è da commissariare la Figc, vedremo ma dobbiamo capire che non c’è nessuno che può fare il primo della classe”.

“LEGA SERIE A HA PERSO TERRENO” – Cairo ha poi parlato della Lega Serie A: “L’assegnazione di posti in base al peso politico ha portato la Lega a essere gestita in maniera non manageriale”, ha aggiunto. “Questo ci ha fatto perdere tanto terreno nei confronti degli altri Paesi, ma non vuol dire che non si possa recuperare ma ci vogliono interventi di diverso tipo. La Serie A dovrebbe essere il motore di tutto il calcio italiano”.

“NON CI SONO CONDIZIONI PER VOTARE” – La Lega di Serie A è chiamata lunedì a eleggere presidente e amministratore delegato”Non ci sono le condizioni per votare subito. Ma siamo in dirittura d’arrivo, nel giro di pochi giorni i nomi di presidente e amministratore delegato dovranno uscire”, ammette.

“SERIE A CON 18 SQUADRE? NON E’ DETTO” – Sulla riduzione della serie A a 18 squadre per alzarne la competitività: “E’ un’ipotesi di cui si deve parlare ma in Inghilterra e Spagna si gioca a 20 squadre, non c’è una ricetta sicura”. Ad ogni modo, Cairo riconosce il problema: “Se è la soluzione perché no – anche se per me non lo è – ma il calcio italiano merita di piu’ di 1,2 miliardi di euro per i diritti tv, almeno il doppio. E se aumenta le risorse, gestendo le cose in maniera diversa, allora puoi tenere il campionato a 20 squadre”.

fonte: Repubblica.it

Commenti