Fenomenologia del gol di tacco: le 5 categorie

TACCO CREATIVO

Premiamo due capolavori, entrambi firmati nel nostro campionato. A distinguerli da tutti gli altri, il fatto che siano unici, ognuno nel proprio genere: perle rare che ammireremmo senza soluzione di continuità. Il primo è quello di Amantino Mancini nel derby del 9 novembre 2003: Cassano batte una punizione dal versante destro dell’area con palla a mezza altezza, il brasiliano taglia davanti a tutti e, mentre è in volo, devia con il tacco “di Dio”. Ne avete mai più rivisto uno simile? Idem per Jeremy Menez, che in un pazzo Parma-Milan finito 4-5 mette a segno il gol più folle: il modo in cui, sulla linea di fondo, aggira il portiere (palla da una parte, lui corre dall’altra) è già una delizia, poi però, una volta raggiunto il pallone, è troppo tardi per girarsi e calciarlo: non resta che… “scalciarlo”.

Fonte: SkySport

Commenti