Amburgo ultimo e mai retrocesso, fine di un’era?

Alla ripresa del torneo gli scivoloni contro Augusta e Colonia provocano l’esonero di Markus Gisdol e l’arrivo di Bernd Hollerbach, ex difensore anseatico nonché protagonista della doppia promozione alla guida del Würzburger Kickers. Il cambio in panchina non ha invertito la rotta, anzi: 3 i punti raccolti in 6 partite senza vittorie, record negativo per un allenatore della società, mediocrità aggiornata l’ultimo weekend con lo 0-0 casalingo contro il Mainz terzultimo. Letale il rigore sprecato dal serbo Kostic, miglior marcatore con soli 4 gol, fermato dagli undici metri dal 20enne debuttante Florian Müller. Già, un portiere omonimo dello sfortunato Nicolai al battesimo stagionale: da Müller a Müller, ecco quindi che il cerchio maledetto dell’Amburgo va a chiudersi. Chissà che non voglia contribuire alla crisi anche il bavarese Thomas nel prossimo turno sul campo del Bayern Monaco, capolista a +20 sullo Schalke 04, trasferta impossibile che precede una situazione disperata come ammesso dal direttore sportivo Todt: “Deve succedere qualcosa di straordinario per evitare la retrocessione”.

Fonte: Sky

Commenti

Questo articolo è stato letto 162 volte