Martin Petras: “Nessuna offerta dalla Cina per Hamsik: ha sempre preferito il Napoli ad altri club”

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Martin Petras, membro dell’entourage di Hamsik

“Il campionato non è finito, ma sarà dura per il Napoli perché mancano 3 partite e la Juve ha 4 punti di vantaggio per cui è molto difficile. Parlo poco degli arbitri perché possono sbagliare così come un calciatore che non la manda in rete. Con la Var le polemiche sono anche maggiori per cui bisogna migliorarla perché gli errori possono danneggiare un anno di lavoro visto che si decidono gli scudetti e le salvezze. 

Fiorentina-Napoli? Dopo l’espulsione di Koulibaly il Napoli è crollato mentalmente e non fisicamente perché si è trovato a giocare la partita più importante della stagione con un uomo in meno. La vittoria della Juve sull’Inter non c’entra nulla. 

Il Napoli ha l’obbligo di crederci fino alla fine e giocare per vincere le ultime 3 partite, ma va detto che la stagione del Napoli è stata straordinaria. 

Non è arrivata nessuna offerta per Hamsik dalla Cina. E’ normale che adesso tutti credono che il progetto Napoli sia finito e accostano calciatori azzurri un po’ ovunque, ma non è così, sono solo chiacchiere. Reina era in scadenza per cui inizierà la sua avventura in un altro club, ma Hamsik non ha motivo di guardare altrove. L’intento di Hamsik è sempre stato quello di restare a Napoli e negli anni addietro sono arrivate offerte anche migliori del Napoli, ma ha sempre sposato l’azzurro per cui non c’è motivo di immaginare un futuro di Hamsik lontano da Napoli. 

Non so cosa farà Sarri al termine della stagione. Certo, nel calcio ci sono dei cicli, ma Hamsik si è sempre ritagliato il suo ruolo con ogni allenatore. E’ vero che ha trovato un accordo con Sarri sulle sostituzioni, ma credo che in alcune partite meritasse di giocare tutti i 90 minuti. 

Hamsik cittadino onorario di Napoli? E’ una cosa importante per lui e una soddisfazione personale perché gran parte della sua vita la sta vivendo a Napoli”. 

Il presente comunicato è stato inviato da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto dello stesso

Commenti

Questo articolo è stato letto 639 volte