Vrsaljko: “Difficile lasciare famiglia a 14 anni”

Un quadretto familiare, tutto al maschile. Sime Vrsaljko, con suo figlio Bruno e suo fratello Mario: è tra i suoi cari che il calciatore dell’Inter vuole trascorrere questo periodo di sosta del campionato. D’altronde, si è spesso costretti a percorrere sentieri imprevedibili, per inseguire il sogno di diventare calciatore. Tragitti che conducono presto lontano da casa e da quegli affetti la cui presenza è sempre fondamentale per maturare e crescere. Tuttavia, per chi ha la forza di saper aspettare, le soddisfazioni poi non tardano ad arrivare: è la storia di Vrsaljko, che a 14 anni ha dovuto lasciare la sua città natale per andare a giocare nel settore giovanile della Dinamo Zagabria. In più occasioni ha sottolineato quanto sia stato difficile per lui separarsi dai propri cari. Per questo, cogliendo la tenerezza di quest’immagine postata sul suo profilo Instagram, in Croazia sono state riprese delle dichiarazioni passate sull’importanza della famiglia per il giocatore: “È la cosa che mi è mancata di più, in particolare mio fratello. Non è semplice allontanarsi così presto da casa, dove ero servito”.

Fonte: SkySport

Commenti