Il gol del giorno: perla di Insigne col Borussia

A Napoli ci è nato, cresciuto e diventato grande. Si è guadagnato anche l’appellativo di ‘Magnifico’ trasformandosi in un simbolo per tutti gli ‘scugnizzi’ che, come lui da piccolo, sognano ogni giorno di scendere in campo al San Paolo per difendere i propri colori. Per diventare protagonisti nelle notti di Champions, proprio come fece Lorenzo Insigne all’esordio nella massima competizione europea in quel lontano settembre 2013. Era il primo Napoli europeo targato Rafa Benitez e l’avversario di turno in quella notte al San Paolo era il Borussia Dortmund vicecampione d’Europa di Klopp, Lewandowski e Aubameyang. Prima partita di un girone durissimo con anche Arsenal e Olympique Marsiglia, oltre ai tedeschi. Match che fu in discesa quasi fin da subito per il Napoli perchè Weidenfeller venne espulso costringendo Klopp a mandare Langerak in porta. Là davanti nel Napoli invece qualche mese prima Gonzalo Higuaín aveva preso il posto di quell’Edinson Cavani partito in direzione Parigi.

La partita e l’incredibile gol di Insigne

Fu proprio l’argentino a sbloccare il match su cross di Zuniga nel primo tempo prima che Lorenzo Insigne, al 22’ della ripresa, completasse la metamorfosi trasformandosi in quel ‘Magnifico’ negli anni tanto idolatrato – e talvolta contestato – dalla alla sua gente. Punizione guadagnata da Inler, sul pallone si presentò il 24 in maglia azzurra. La posizione sarebbe più consona ad un mancino, invece Insigne calciò dritto sotto all’incrocio dove Langerak non potè arrivare. Anzi… nel tentativo di pararla perse anche un dente scontrandosi contro al palo. Una perla rara, quella del classe ’91 azzurro, che in preda all’euforia si sfilò la maglia correndo ad esultare sotto la Curva B. Un gesto tecnico che rese ancor più indimenticabile quella sera del San Paolo per tutti i napoletani, visto che la partita terminò 2-1 per gli uomini di Benitez. Ma soprattutto che decretò la definitiva metamorfosi di quell’insigne nato, cresciuto e diventato grande nella sua Napoli. Davanti alla sua gente.

Fonte: Sky

Commenti

Questo articolo è stato letto 72 volte