Sneijder, 2 gol e rosso: “In Qatar non gioco più”

Uno Sneijder furioso. Doppietta, vittoria e… cartellino rosso. Wesley Sneijder non ci sta ed esplode: “Basta, questa è l’ultima gara in Qatar!”. Momento, cos’è successo? Gara tra il suo Al Gharrafa e il Qatar SC, l’olandese sigla 2 reti ma viene cacciato via dall’arbitro, salvo poi indicare qualcuno a bordocampo – probabilmente gli assistenti dell’arbitro – e andarsene via togliendosi anche la fascia di capitano: “Last game in Qatar, last game!”. Traduzion e intuibile. Sneijder gioca all’Al Gharrafa da quest’anno, fin qui ha segnato 14 reti in 18 partite complessive. La squadra – allenata da Christian Gourcuff, papà di Yoann – al momento è sesta in classifica  con 15 punti. 

La risposta di Sneijder su Twitter

Prima la reazione, poi le scuse: attraverso il proprio account Twitter, l’olandese si è detto dispiaciuto per quanto accaduto: “Mentre giocavo ho ricevuto un cartellino rosso che non meritavo, e nella foga del momento ho reagito così. Tuttavia, per contrastare eventuali speculazioni dei media, ci tengo a dire che amo vivere e giocare in Qatar”. 

Mentre giocavo a una partita di calcio, ho reagito nella foga del momento a un cartellino rosso che non meritavo. Tuttavia, per contrastare eventuali speculazioni sui media falsi: mi piace vivere e giocare a calcio in Qatar!

Mentre giocavo a una partita di calcio, ho reagito nella foga del momento a un cartellino rosso che non meritavo. Tuttavia, per contrastare eventuali speculazioni sui media falsi: mi piace vivere e giocare a calcio in Qatar!

Mentre giocavo a una partita di calcio, ho reagito nella foga del momento a un cartellino rosso che non meritavo. Tuttavia, per contrastare eventuali speculazioni sui media falsi: mi piace vivere e giocare a calcio in Qatar!

Mentre giocavo a una partita di calcio, ho reagito nella foga del momento a un cartellino rosso che non meritavo. Tuttavia, per contrastare eventuali speculazioni sui media falsi: mi piace vivere e giocare a calcio in Qatar!

Fonte: Sky

Commenti

Questo articolo è stato letto 251 volte