Ligue 1: il Psg fa 13 e vola, il Monaco precipita

Il Psg ha fatto tredici, come Lino Banfi quella volta “Al bar dello sport”. Nessun totocalcio in ballo, solo una squadra schiacciasassi che, se in Champions sta faticando anche per merito di un grande Napoli versione europea, in casa propria non ha rivali. Contro lo sventurato Monaco di Henry ultimo in classifica è arrivata un’altra vittoria: quattro gol, a zero. Tripletta di Cavani in rete già due volte ne primi undici minuti. Poi ancora il Matador e Neymar su rigore. Solo vittorie in campionato, nessun pari e nessuna sconfitta, con un altro netto 4-0 rifilato anche nella Supercoppa francese di inizio anno e sempre al Monaco, al tempo ancora di Jardim. Il totale fa l’imbarazzante margine di vantaggio sulla seconda, il Lille (battuta la settimana prima) di +13 ad appena un terzo della stagione. Quarantacinque sono i gol segnati, ovvero una media di 3,5 a partita. E il secondo miglior attacco, quello del Marsiglia, è appena a 24. Il record assoluto? È distante una partita, due per il primato in solitaria, quello del Bordeaux che dalla dalla 28^ giornata della stagione 2008-2009 alla 3^ giornata della stagione 2009-2010 infilò quattordici vittorie consecutive. Il Psg, dopo il pari nell’ultima di campionato dello scorso anno, è allora a 13. Contro il Tolosa, dopo la pausa nazionali, la possibilità del pareggio, mentre il colpo grosso del 15 potrebbe arrivare curiosamente proprio in casa del Bordeaux a inizio dicembre.

Il trio delle meraviglie

La squadra di Tuchel è un rullo compressore, inevitabilmente così grazie ai suoi fenomeni in squadra che dominano anche la classifica dei marcatori. Tre nei primi cinque, e chi se non i soliti Mbappé, Neymar e Cavani? Il francese campione del mondo guarda tutti dall’alto a quota 11 insieme a Sala del Nantes. Neymar è a 10 mentre a quota 8 ci sono Pepe del Lille (che ha infilato anche 7 assist) e Cavani. Ventinove gol in tre: miglior tridente d’Europa davanti a Messi-Suarez-Coutinho a 22. Un dominio incontrastato.

Fonte: Sky

Commenti

Questo articolo è stato letto 79 volte