Sorriso a metà. Napoli: tre gol subiti, tre infortuni

Le parate di Meret e i gol di Milik. La qualificazione del Napoli ai quarti di finale di Europa League è passata da qui. Dal portiere numero ’97, che nelle gara d’andata con almeno tre interventi decisivi ha permesso alla squadra di chiudere il match con la partita inviolata e di presentarsi alla Red Bull Arena con un 3-0. E dai gol di Milik, che ha sbloccato con i suoi gol sia il match d’andata che quello di ritorno.
Sono stati loro i trascinatori di una squadra che questa sera ha staccato il pass per i quarti di finale di Europa League, ma ha vissuto serate migliori. “Anche i calciatori sono esseri umani”, ha detto Carlo Ancelotti che in conferenza stampa ha motivato così il crollo della sua squadra nel secondo tempo. La qualificazione non è mai stata seriamente in discussione, però il 3-1 finale è risultato più che giusto per come il Salisburgo ha interpretato una seconda frazione molto simile a un monologo.
Poi gli infortuni. Lorenzo Insigne durante il riscaldamento ha accusato un fastidio all’adduttore e non è nemmeno sceso in campo. L’entità dell’infortunio muscolare di Chiriches, costretto a uscire a meno di un quarto d’ora dalla fine, sarà da valutare nei prossimi giorni. Mentre per Diawara, uscito zoppicante dal terreno di gioco, si tratta di un taglio al piede che non dovrebbe precludere il suo pronto rientro in campo.

TuttoMercatoWeb.com

 

Commenti

Questo articolo è stato letto 522 volte