Napoli vs Genoa: i calciatori azzurri scenderanno in campo con la giusta serenità?

Vista la situazione, a dir poco scabrosa, che regna nell’ambiente azzurro, il match di dopodomani sera al San Paolo, tra il Napoli ed il Genoa, anticipo della dodicesima giornata di campionato rischia di passare in secondo piano.  Dopo il braccio di ferro tra società e calciatori che potrebbero essere multati per il loro ammutinamento, non c’è pace e tutto lascia pensare che in un momento così delicato della stagione, le divergenze e le incomprensioni  createsi, possano influire seriamente sul rendimento della squadra. Infatti prima delle gambe in campo ci deve andare il cervello, la mente deve essere sgombra da ogni preoccupazione e da ogni polemica. Ma visto come vanno le cose al momento, con il club di De Laurentiis che ha annunciato di adire le vie legali, sabato sera, in quel di Fuorigrotta, in una partita già di per se stessa molto difficile, gli undici che il tecnico sceglierà di schierare avranno la giusta serenità? Questo l’interrogativo che si pongono, attualmente i tifosi napoletani uniche vittime di tale caos o bufera che dir si voglia. Si tratta di un caos e di una singolare vicenda che ha sorpreso persino ex calciatori, adesso opinionisti in Tv, tra i quali Roberto Cravero che si è detto assolutamente meravigliato del comportamento dei calciatori azzurri. L’ex difensore granata ha affermato che tale insubordinazione non può essere che il preludio di un autentico scontro tutti contro tutti. Dunque giustamente diventa improbabile che la squadra ritrovi in soli due giorni la concentrazione e la tranquillità giusta per affrontare una partita delicata come quella contro i rossoblù di Thiago Motta, bisognosi di punti, per tirarsi fuori dalla palude della bassa classifica. Intanto il comportamento dell’allenatore di Reggiolo appare lineare verso la presidenza, malgrado non fosse d’accordo con De Laurentiis  sul ritiro. Ancelotti ha dato il suo parere negativo sul provvedimento ma dopo si è adeguato agli ordini di scuderia e si è presentato con i suoi collaboratori in ritiro.  Oggi intanto allenamento a Castel Volturno a porte chiuse, nessuno giornalista potrà accedere, anche in virtù del silenzio stampa voluto dalla dirigenza. Di sicuro stamane sarà un momento chiave per comprendere quale futuro attende  il Napoli ed Ancelotti.

Commenti

Questo articolo è stato letto 919 volte