Gli interventi di Giancarlo Padovan, Umberto Chieriello e Luca Marelli a Radio Punto Nuovo

In diretta a ‘Punto Nuovo Sport Show’, trasmissione con Umberto Chiariello in onda su Radio Punto Nuovo, è intervenuto Giancarlo Padovan, giornalista: “Ancelotti in discussione? Sì, sono convinto che le prossime due partite – Milan e Liverpool – saranno decisive. Duka fa una giusta osservazione: un presidente non cambia i singoli, ma l’allenatore. In questo momento, De Laurentiis è ancora molto arrabbiato e ferito dall’ammutinamento, sta pensando a come fare per avere giustizia. Qualcosa accadrà, sicuramente, non so se sarà però la sostituzione dell’allenatore. Dipende da un po’ di cose, tra cui i risultati. In questo momento Ancelotti è in discussione, come normale e giusto che sia. È un grande allenatore, ha vinto tanto ed ovunque, ma la situazione tecnica e di gestione dello spogliatoio è in una fase delicata. Mourinho al Tottenham? È una delle poche volte che Mourinho prende una squadra in corsa e posizionata molto male, al 14° posto, fuori dalla Coppa di Lega e non è ancora qualificata in Champions, perdendo in casa 2-7 contro il Bayern Monaco. È un compito non facile, penso questo sarà un anno di transizione. Molti giocatori erano legati a Pochettino, poi Mourinho lavora con un mercato che non è suo, può rimettere in piedi la stagione, ma niente di più. Per la prima volta corre contro i mulini a vento, per me è impossibile vincere la Premier, impossibile vincere la Champions e corre per qualche altro obiettivo. Il Tottenham da anni non vince niente, ma Mourinho è un cacciatore di trofei. Napoli femminile? Quando ero presidente della federazione del calcio femminile, il giorno di Ferragosto del 2012 mi telefonò De Laurentiis perché avrebbe voluto allestire una squadra di calcio femminile che partecipasse alla Serie A. Ovviamente non si poteva, c’era la Yamamay Napoli che faceva la Serie D, lui disse che per partecipare voleva una squadra di Serie A, ma non era possibile. Secondo il mio punto di vista, se questo gruppo di imprenditori riuscirà a portare il Napoli in Serie A, potrebbero aprirsi delle prospettive di collaborazione o inclusione con il calcio Napoli. È fondamentale che la SSC Napoli abbia una squadra femminile, ha un grande bacino d’utenza ed è importante anche per riequilibrare il distacco tra Nord e Sud sulla concezione di calcio femminile”.

In diretta a ‘Punto Nuovo Sport Show’, trasmissione con Umberto Chiariello in onda su Radio Punto Nuovo, è intervenuto Umberto Chiariello, giornalista, con il suo EditoNuovo: “La riunione tra Rizzoli, capo tecnico degli arbitri, e gli allenatori è finita con un franco confronto, ma anche con tanta confusione in più. Per esempio, il rigore su Zielinski in Fiorentina-Napoli, entra in discussione. Montella e Pradè hanno detto: “Quel ricordo non l’avrei dato”. Oggi gli arbitri sono quasi alchimisti, addirittura i quotidiani di oggi da una spiegazione su come si muovono le braccia…stiamo arrivando alla pietra filosofale. Vogliamo tornare al pane e salame e quando c’è fallo di mano, è rigore punto e basta?”.In diretta a ‘Punto Nuovo Sport Show’, trasmissione con Umberto Chiariello in onda su Radio Punto Nuovo, è intervenuto Luca Marelli, ex arbitro: “Rizzoli c’ha preso anche stavolta, mi è piaciuto tanto. Resto convinto che sia quello di Zielinski, che quello di Llorente fossero fallo. Ieri ho sentito che c’è l’intenzione di aprire un sito che spieghi particolari casi. Rizzoli-Ancelotti? È emerso un primo elemento: si stimano molto e vederli dialogare mi ha fatto piacere. È stato un confronto che ha portato ad un’ammissione. Parole corrette di Ancelotti? Certo, è oggettivo che alcuni arbitri siano più competenti di altri, ma in campo è difficile bluffare. Ieri nel momento della spiegazione sui vari episodi, sono rimasto soddisfatto perché io e Rizzoli li abbiamo interpretati alla stessa maniera. Purtroppo partano come verità assolute interpretazioni spurie, l’opinione pubblica è drogata da informazioni imparziali. Informazione sbagliata? Purtroppo c’è un’informazione che in alcuni casi non è delle migliori. Credo che questi incontri siano molto importanti, la proposta di Marino è eccellente e deve essere ampliata a tutti i campionati. Il gioco del calcio è semplice, ma il regolamento non lo è e conoscerlo non è banale, perché nessuno lo studia”.

In diretta a ‘Punto Nuovo Sport Show’, trasmissione con Umberto Chiariello in onda su Radio Punto Nuovo, è intervenuto Luca Marelli, ex arbitro: “Rizzoli c’ha preso anche stavolta, mi è piaciuto tanto. Resto convinto che sia quello di Zielinski, che quello di Llorente fossero fallo. Ieri ho sentito che c’è l’intenzione di aprire un sito che spieghi particolari casi. Rizzoli-Ancelotti? È emerso un primo elemento: si stimano molto e vederli dialogare mi ha fatto piacere. È stato un confronto che ha portato ad un’ammissione. Parole corrette di Ancelotti? Certo, è oggettivo che alcuni arbitri siano più competenti di altri, ma in campo è difficile bluffare. Ieri nel momento della spiegazione sui vari episodi, sono rimasto soddisfatto perché io e Rizzoli li abbiamo interpretati alla stessa maniera. Purtroppo partano come verità assolute interpretazioni spurie, l’opinione pubblica è drogata da informazioni imparziali. Informazione sbagliata? Purtroppo c’è un’informazione che in alcuni casi non è delle migliori. Credo che questi incontri siano molto importanti, la proposta di Marino è eccellente e deve essere ampliata a tutti i campionati. Il gioco del calcio è semplice, ma il regolamento non lo è e conoscerlo non è banale, perché nessuno lo studia”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 330 volte