LE PAGELLE DI NAPOLI FIORENTINA- Prestazione indecente di tutti gli azzurri

Ospina 5.5 – Qualche rischio con i piedi nel primo tempo, nella ripresa è decisivo su un tentativo ravvicinato di Chiesa.

Hysaj 5 – Inizia abbastanza bene sul lato destro, poi la sua prestazione crolla quando viene spostato sul lato mancino. Quella che sappia giocare anche sul lato sinistro è una convinzione che da anni non si capisce da cosa nasca…

Manolas 5 – Il reparto difensivo del Napoli non esiste ed anche lui si è ormai adeguato alla mollezza complessiva dei suoi compagni.

Di Lorenzo 4.5 – Conferma la sua duttilità: infatti gioca malissimo sia al centro, sia a sinistra, sia a destra. La cura-Gattuso gli è letale finora.

Luperto 4.5 – Anche lui un pesce fuor d’acqua a sinistra come al centro. Per nulla reattivo e poco presente fisicamente. E intanto i difensori li prendiamo per l’estate…

Allan 3 – In campo non è che demeriti più degli altri e probabilmente il confuso Gattuso avrebbe potuto evitare di sostituire proprio lui, ma dopo le tante polemiche (di cui è stato protagonista principale con l’ammutinamento) e le disastrose prestazioni di squadra, accogliere un cambio con fare polemico è una cosa inaccettabile.
(Demme 5 – finora non abbiamo capito che tipo di apporto possa dare alla squadra, ma gli andrebbe dato tempo di adattarsi…se ci fosse. Per sua fortuna la concorrenza scarseggia.)

Fabiàn 4 – Il peggior giocatore di questa stagione del Napoli. Fa meno filtro di un rubinetto che perde, rallenta il gioco portando incomprensibilmente palla ed è pure impreciso negli appoggi. Inutile chiedersi se possa fare il regista: al momento fa danni in qualsiasi posizione del campo.

Zielinski 5 – In una squadra che non ha gioco e ritmo, uno con le sue potenzialità potrebbe essere la carta giusta per dare una scossa al torpore generale, ma purtroppo ha troppa poca personalità per farlo.
(Lozano 5.5 – Addirittura oggi ha provato in qualche circostanza a saltare l’uomo. Segnali confortanti. Di questo passo, tra una decina d’anni dovrebbe arrivare sui livelli che giustificherebbero l’esborso economico fatto per il suo acquisto.)

Callejòn 5 – Passa tutto il primo tempo a fare tagli. Peccato non sia un barbiere. Quando prende palla non sfrutta le occasioni e poi nella ripresa si eclissa e smette pure di fare tagli.
(Llorente 4.5 – Entra in campo e mette a disposizione della squadra le sue qualità. Il problema è che negli ultimi mesi non si capisce quali siano.)

Milik 4.5 – Si fa notare per una conclusione acrobatica nella prima fase di gara, poi scompare dalla partita e non tocca più una palla.

Insigne 5.5 – I compagni lo cercano e si affidano a lui sperando in un miracolo, manco fosse san Gennaro. Il buon Lorenzo ci mette almeno l’impegno, ma non è il giocatore che da solo ti cambia un match.

Gattuso 3 – Cerca di rinverdire i fasti dell’epopea sarriana, riproponendo il 4-3-3, la ricerca del possesso palla, e i monotematici tagli offensivi. Il suo Napoli, però, sembra guidato da un Sarri ubriaco, che ha dimenticato di istruire su pressing, fase difensiva ed intensità nelle giocate. Non gli si chiedevano miracoli, certo, ma riuscire a far peggio del disastroso Ancelotti è troppo anche per il disastroso Napoli di quest’anno. Che facciamo, iniziano a guardare i tecnici sul mercato?

Commenti